logo san paolo
sabato 19 gennaio 2019
 
Il Teologo
 

L’adorazione è in contrasto con la comunione?

14/02/2017 

SILVANA Ho avuto fra le mani un foglio dove un bambino davanti al Santissimo esposto chiede alla mamma: “Perché stiamo a guardare un pezzo di pane chiuso in una teca d’oro?”. Risposta: “Non hai tutti i torti; Gesù ha detto: Prendete e mangiate. Non guardate”. Non sono per niente d’accordo.

Gesù ha istituito il sacramento dell’Eucaristia nel contesto di una cena il cui scopo è la condivisione dello stesso cibo. Infatti, la Comunione è il traguardo normale della piena partecipazione alla Messa. Ma l’adorazione del pane consacrato fuori della Messa non è in contrasto con essa e con la Comunione. Anzi, le stesse norme affermano che «la celebrazione dell’Eucaristia nel sacrifi‚cio della Messa è veramente l’origine e il ‚fine del culto che a essa viene reso fuori della Messa... Se Cristo ha istituito questo sacramento come nostro cibo, non per questo è sminuito il dovere di adorarlo». Se prima della riforma conciliare l’adorazione aveva preso talora il sopravvento sulla Messa (anche per il fatto che il sacerdote celebrava da solo e in latino all’altare), non è oggi il caso di arroccarsi sul versante opposto con modalità anche di pessimo gusto, come riportato.

I vostri commenti
19
scrivi

Stai visualizzando  dei 19 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo