Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 23 luglio 2024
 
richiesta di volontari
 

Salute orale a rischio in Italia e nel mondo: l'appello di COI

16/06/2021  L'associazione Cooperazione odontoiatrica internazionale chiama a raccolta operatori del settore, studenti e neolaureati per ampliare i suoi progetti di sviluppo nel nostro Paese e negli Stati a basso reddito dove è operativa dal 1993

La salute orale, bene fondamentale per tutti, spesso per chi vive in condizione di marginalità e di difficoltà economica diventa un lusso al quale bisogna rinunciare, laddove la risposta del Servizio sanitario nazionale non basta. COI - Cooperazione Odontoiatrica Internazionale, la prima associazione di volontariato odontoiatrico in Italia impegnata in progetti per lo sviluppo della salute orale in Italia e nei Paesi a basso reddito, ora si propone di ampliare i suoi programmi. E per farlo ha bisogno di nuove forze. Per questo l’associazione lancia un appello a medici odontoiatri, igienisti, studenti e neolaureati in odontoiatria, affinché si avvicinino alla comunità dei volontari COI e prestino un po’ del loro tempo e delle loro competenze partecipando alle attività in Italia e all’estero.

«In questa emergenza straordinaria le persone più deboli ed a basso reddito - giovani famiglie, anziani, disoccupati, migranti, disabili - sono diventate ancora più a rischio», osserva Giancarlo Vecchiati, past president di COI. «Il Servizio Sanitario Nazionale è messo a dura prova, non riesce a rispondere alle innumerevoli richieste e le cure odontoiatriche sono una delle prime cose a cui si rinuncia quando non si riesce a mettere un piatto in tavola. Ci appelliamo a medici odontoiatri, assistenti igienisti, neo laureati o studenti affinché si uniscano alla comunità dei volontari COI e ci aiutino ad ampliare i nostri progetti, per dare accesso alle cure odontoiatriche alle fasce più fragili e garantire il diritto alla salute orale per tutti».

COI è nata nel 1993, oltre che in Italia opera in 19 Paesi del mondo, in in Medio Oriente, Africa Sub Sahariana, Balcani ed Europa dell’est, America Latina, coinvolgendo oltre 500 operatori locali ed assicurando un beneficio diretto a 500 mila persone. Nel periodo della pandemia, nonostante le restrizioni e le difficoltà legate al Covid-19, l’associazione è riuscita a mantenere attivi i progetti in corso in Libano e in Burkina Faso. In Italia COI è impegnata in programmi di odontoiatria sociale, in modo particolare in Piemonte. In collaborazione con l’Università degli Studi di Torino, ha istituito lo European Centre for Intercultural Training in Oral Health (ECITOH) per la ricerca, lo scambio interculturale e la formazione di volontari e operatori odontoiatrici dei Paesi a basso reddito. Dal 2006 promuove inoltre il master universitario di I livello in “Salute orale nelle comunità svantaggiate e nei Paesi a basso reddito”, unico nel suo genere in Italia. Per informazioni e contatti: www.cooperazioneodontoiatrica.eu

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo