Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 25 maggio 2024
 
Il Messaggio
 

Il Papa al Centro Astalli: «Il vostro esempio susciti una cultura dell'accoglienza dei rifugiati»

28/05/2020  Papa Francesco scrive a padre Camillo Ripamonti, direttore della sede italiana del JRS, il Servizio dei Gesuiti per i rifugiati: «Grazie per come affrontate la “sfida” delle migrazioni soprattutto in questo delicato momento per il diritto d’asilo»

I numeri dell’ultimo Rapporto del Centro Astalli, pubblicato pochi giorni fa [leggi qui] raccontano le vite sospese dei migranti, stretti tra la morsa della pandemia, che blocca o rallenta la vita quotidiana, e il morso dell’incertezza di chi una vita quotidiana deve inventarsela da zero in un nuovo Paese. Sono ventimila le persone incontrate dal Centro nel 2019, tra rifugiati e richiedenti asilo, undicimila solo a Roma.

Il report afferma che «le politiche migratorie, restrittive, di chiusura - se non addirittura discriminatorie - che hanno caratterizzato l’ultimo anno, acuiscono precarietà di vita, esclusione e irregolarità, rendendo l’intera società più vulnerabile». Uno spaccato ben noto a papa Francesco che, nel citare il Rapporto, in un messaggio a padre Camillo Ripamonti, direttore del Centro Astalli, apprezza in particolare il coraggio «con cui - scrive - affrontate la “sfida” delle migrazioni soprattutto in questo delicato momento per il diritto d’asilo, poiché migliaia di persone fuggono dalla guerra, dalle persecuzioni e da gravi crisi umanitarie».

Francesco si fa vicino anche a quella categoria di persone che il diritto internazionale definisce «rifugiati» e che «voi – sottolinea ai collaboratori del Centro – accogliete con amore fraterno: a tutti sono spiritualmente vicino con la preghiera e l’affetto e li esorto ad avere fiducia e speranza in un mondo di pace, giustizia e di fraternità tra i popoli».

Francesco nel suo messaggio conclude augurandosi che il «vostro esempio – dice – possa suscitare nella società un rinnovato impegno per una autentica cultura dell’accoglienza e della solidarietà».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo