Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 19 aprile 2024
 
Baby-sitting
 

Nonni o Baby-sitter?

23/08/2022  Mia moglie rientrerà a lavoro a Settembre dopo essere stata in maternità per la nascita del nostro secondogenito. Fino ad ora i miei genitori ci hanno dato una mano ma con la grande che andrà alla scuola materna e un neonato da gestire diventa complicato se entrambi lavoriamo.. Mia moglie sta pensando a una baby-sitter ma io mi sento più sicuro a lasciare i miei figli ai nonni...

Nel mese di settembre mia moglie riprenderà a lavorare dopo l’arrivo del nostro secondo figlio che sta per compiere un anno. La prima bambina ha 5 anni e andrà alla scuola materna per l’ultimo anno. Finora se ne sono occupati i miei genitori, andando a prenderla tutti i giorni, stando con lei se si ammala e accudendo spesso anche il piccolo quando nessuno di noi può farlo nonostante lo smart working. Lavorare e curare un neonato in contemporanea non è per nulla semplice... Ora mia moglie vuole cercare una baby-sitter, mentre io continuo a preferire che se ne occupino i miei, anche perché mi sentirei più sicuro considerate le cose che ogni tanto si sentono di queste ragazze che per lavoro si occupano dei bambini. FAUSTO

Caro Fausto, lascerei decisamente perdere i fatti di cronaca e le generalizzazioni che si limitano a cercare di definire categorie, da una parte le baby-sitter, dall’altra i nonni... Come ho scritto spesso, non amo definire i gruppi sociali e professionali, ma parlare delle persone. Persone diverse come sono tante ragazze e signore che hanno cresciuto – ed educato – generazioni di bambini con grande attenzione, pazienza e cura, come sono altre che invece hanno interpretato l’impegno semplicemente come un tempo da trascorrere nel modo più tranquillo e meno stancante possibile.

Per una lunga esperienza personale ho la possibilità di ricordare i volti delle molte a cui ancora penso con gratitudine e di cercare di dimenticare le poche che non vorrei mai nella vita della mia famiglia se potessi tornare indietro. Ricordiamoci che sono persone diverse anche le nonne e i nonni: non è detto che l’affetto per i nipoti si traduca automaticamente in attenzione, pazienza e cura anche quando la volontà c’è tutta.

Come nel tuo caso, occuparsi di un bambino di un anno, con la compagnia di una di cinque anche se meno presente, non è fatica da poco per quanto i nonni siano giovanili. E poi, se sono giovanili, avranno voglia di fare ogni tanto anche qualcosa di diverso prima della pensione... Come si vede, le varianti sono tante e solo voi e i tuoi genitori potete valutarle, tenendo conto del benessere di tutti, piccoli e grandi. Ti ricordo che i primi, soprattutto dai 18 mesi in avanti, godono molto delle attività e della presenza dei coetanei nei nidi, una soluzione che tuttavia in Italia non è sempre disponibile per tutti. C’è poi la questione economica in cui non mi addentro, consapevole dell’enorme differenza tra le diverse scelte...

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo