Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 14 aprile 2024
 
 

Approvato il Piano nazionale per la famiglia.

08/06/2012  Si pongono finalmente le basi per dare alla famiglia il giusto ruolo e riconoscimento all'interno della società.

Equità economica e fiscale, politiche abitative, lavoro di cura, servizi per la prima infanzia, congedi, interventi sulla disabilità e non autosufficienza; pari opportunità e conciliazione tra famiglia e lavoro; reti associative familiari; consultori e mediazione familiare, sostegno alle famiglie immigrate; alleanze locali per le famiglie; monitoraggio delle politiche familiari.
Questi importanti temi sono i punti focali del Piano nazionale per la famiglia approvato dal Consiglio dei Ministri.

Frutto di un lungo lavoro, portato a conclusione dopo un cammino avviato nel 2007 e passato  per gli sforzi di ben tre governi di diversi orientamenti, questo Piano vede la luce con Andrea Riccardi, Ministro della Cooperazione internazionale e dell'integrazione con delega alla Famiglia. Si tratta, secondo la nota di Palazzo Chigi «di uno strumento contenente linee di indirizzo omogenee in materia di politiche familiari, che garantisce centralità e cittadinanza sociale alla famiglia attraverso una strategia di medio termine che supera la logica degli interventi disorganici e frammentari avuti sino ad oggi».

Per quanto riguarda i contenuti del Piano, i principi ispiratori sono: «Cittadinanza sociale della famiglia, intendendo la famiglia quale soggetto su cui investire per il futuro del Paese, valorizzando la sua funzione per la coesione sociale e per un equo rapporto tra le generazioni e politiche esplicite sul nucleo familiare».

E' la prima volta che nel nostro Paese viene adottato uno strumento per uscire dalla logica dell'emergenze o dell'assistenzialismo, e si cerca, piuttosto, di porre le basi concrete per dare alla famiglia il giusto ruolo e riconoscimento all'interno della società.
Non un soggetto bisognoso di sostegno ma capace, se le viene permesso, di essere lei stessa sostegno e punto di riferimento.

Tag:
I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo