Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 21 luglio 2024
 
giornata dell'educazione
 

Still I Rise, una nuova scuola internazionale per i bambini in Colombia

24/01/2024  Il 24 gennaio si celebra la Giornata internazionale dell'educazione. Il 25 la Ong inaugura una nuova struttura scolastica a Bogotà, nel quartiere Ciudad Bolivar, dove vivono tantissimi migranti venezuelani e sfollati interni

Il 24 gennaio si celebra la Giornata internazionale dell’educazione. Una ricorrenza che rammenta come l’emergenza educativa globale continui a crescere. Secondo i dati dell’Unesco del 2023, 250 milioni di bambini e bambine nel mondo non frequentano la scuola, 6 milioni in più rispetto al 2021. Sono 617 milioni i bambini e gli adolescenti che non sono in grado di raggiungere i livelli minimi di competenza in lettura e matematica, nonostante due terzi di loro abbiano accesso all’istruzione. La scuola, per loro, non fornisce adeguate competenze formazione. A livello globale, il 16% dei minori non frequenta la scuola e un bambino su 10 non riceve l’istruzione primaria.

Il 25 gennaio Still I Rise, organizzazione impegnata a garantire protezione istruzione di qualità nei contesti più difficili ai minori profughi e vulnerabili seguendo lo slogan "cambiano il mondo, un bambino alla volta", inaugura la sua nuova Scuola internazionale in Colombia nella capitale Bogotà. La Still I Rise International School sorge nel quartiere di Ciudad Bolivar, dove si concentra il 31% delle baraccopoli della capitale colombiana, in cui vive un’alta concentrazione di migranti venezuelani e di sfollati interni. Per i minori, il contesto è particolarmente grave: il sistema scolastico pubblico colombiano funziona solo per metà giornata a causa del sovraffollamento delle strutture e i bambini sono lasciati a lungo senza supervisione, aumentando le possibilità di lavoro minorile e di coinvolgimento nel narcotraffico. Stando ai dati dell’Unicef, circa il 16% degli adolescenti in Colombia non frequenta la scuola secondaria superiore.

Still I Rise International School di Bogotà a pieno regime accoglierà 180 studenti. L’obiettivo è offrire gratuitamente a bambini e adolescenti profughi e vulnerabili locali il percorso educativo dell’International Baccalaureate, seguendo lo stesso modello della Scuola Internazionale avviata in Kenya nel dicembre del 2020. L'organizzazione, fondata da Nicolò Govoni, ha aperto la sua prima scuola di emergenza in Grecia (dove la missione ora è conclusa), altre scuole nel Nordovest della Siria, in Repubblica democratica del Congo, in Yemen, scuole internazionali in Kenya e, ora, in Colombia. Informazioni: www.stillirisengo.org

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo