logo san paolo
giovedì 13 dicembre 2018
 
dossier
 

Asia Bibi a morte: fermiamo la condanna

16/10/2014  L’Alta Corte di Lahore, tribunale di secondo grado, ha confermato ieri mattina la sentenza capitale per Asia Bibi, la donna cristiana pakistana accusata di blasfemia. Continua la mobilitazione. Anche di Famiglia Cristiana e dei suoi lettori.

Asia Bibi resta in carcere e la condanna alla pena capitale continua a pendere sulla sua testa. Giovedì 16 ottobre, l’Alta Corte di Lahore, tribunale di secondo grado, ha confermato la sentenza di morte per la donna cristiana pakistana accusata di blasfemia e condannata in primo grado nel 2010. Gli avvocati del pool difensivo della donna hanno riferito all’agenzia vaticana Fides che  il ricorso presentato dalla difesa è stato respinto.  

Nell’udienza tenutasi a Lahore, davanti al collegio presieduto dal giudice Anwar ul Haq, la difesa ha presentato le sue argomentazioni scritte che smascheravano  testimoni poco credibili e la palese costruzione di false accuse.   “Ma il giudice - hanno riferito i legali - ha ritenuto valide e credibili le accuse delle due donne musulmane (due sorelle) che hanno testimoniato sulla presunta blasfemia commessa da Asia. Sono le due donne con cui Asia aveva avuto l’alterco e da cui è nato l'intero caso”.   La delusione è tanta, ma la difesa non si fermerà: Asia, hanno annunciato gli avvocati, d'accordo con i familiari, ricorrerà alla Corte Suprema, terzo e ultimo grado di giudizio in Pakistan.  

Resta la frustrazione perchè - ha notato Naeem Shakir, un degli avvocati in aula giovedì 16 ottobre - quella del complotto era ben più di una ipotesi. Evidente per un fatto ben preciso: la denuncia a carico della donna è avvenuta il 19 giugno 2010, cinque giorni dopo il verificarsi del presunto atto di blasfemia (accaduto il 14 giugno). E la dichiarazione del denunciante (l'imam della moschea locale) si basa sul "sentito dire", dato che l’uomo non era presente all’alterco in cui Asia avrebbe insultato il Profeta. Insomma, gli avvocati erano piuttosto fiduciosi di aver demolito il fragile impianto accusatorio. Fino alla brutta sorpresa del verdetto.   Asia è stata condannata a morte il 18 novembre 2010.

Fermiamo la condanna di Asia Bibi

Il suo caso ha generato nel Paese e nella comunità internazionale un ampio dibattito e due uomini politici che hanno cercato di difenderla, dichiarando la sua innocenza, sono stati uccisi in Pakistan: il musulmano Salman Taseer, governatore della provincia del Punjab, ucciso il 4 gennaio 2011 e il cattolico Shabaz Bhatti, allora Ministro federale delle minoranze, assassinato il 2 marzo 2011. I due stavano sollecitando un riesame della legge sulla blasfemia, divenuta "mezzo di oppressione” a causa dell'uso strumentale che ne fanno gli estremisti islamici.

Continua la mobilitazione a livello mondiale. Ricordiamo che il 17 novembre 2009, al termine dell'udienza generale del mercoledì, papa Benedetto XVI espresse “vicinanza ad Asia Bibi e i suoi familiari”, chiedendo che “al più presto” le venisse “restituita la libertà”.  Associazioni, enti ed organismi che si battono per la difesa della libertà religiosa, uno dei diritti fondamentali ed inalienabili dell'uomo,  moltiplicano le loro prese di posizioni. Tra le campagne di protesta  anche quella di Famiglia Cristiana.

I vostri commenti
23
scrivi

Stai visualizzando  dei 23 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo