logo san paolo
martedì 17 ottobre 2017
 
PAKISTAN
 

Asia Bibi, dal carcere, per Pasqua: «Gesù, spezza le mie catene»

18/04/2017  L'appello al Papa. La preghiera fatta in cella. Il perdono accordato a chi l'ha ingiustamente accusata e condannata a morte. Le ultime notizie sulla cristiana detenuta da otto anni. Intanto c'è chi continua a morire per l'intolleranza religiosa. E chi invece investe sul dialogo.

Ha celebrato Pasqua qualche giorno: lo ha fatto, per la precisione il 13 aprile, Giovedì Santo. In carcere dal 2009 e condannata a morte per blasfemia ha consumato nella cella in cui è rinchiusa una cena frugale in compagnia del marito, Ashiq, e del tutore della sua famiglia, Joseph Nadeem, ha scambiato con loro gli auguri per l'imminente festività e - su un pezzo di carta recuperato in prigione - ha scritto una supplica a Dio invocando dal Padre la grazia di rimuovere gli ostacoli, alleviando le sue sofferenze indicibili. «Ti prego Gesù di donarmi la libertà, spezza le mie catene, fa’ che il mio cuore possa librarsi al di là di queste sbarre», ha scritto. Asia Bibi ha anche pregato per i suoi nemici , ribadendo di aver perdonato coloro che le hanno fatto del male. Infine ha rivolto un appello al Papa chiedendogli di non dimenticarsi di pregare per lei. 

E mentre il caso di Asia Bib, otto anni dopo l’arresto della donna, resta in attesa dell’ultima parola che dev'essere detta dalla Corte suprema, la blasfemia e la legge che la punisce anche con l'ergastolo e con la pena capitale, continua a far discutere e a scandalizzare. Spesso si accusa qualcuno di aver offeso l'islam e Maometto per banali motivi di invidia o per vendette personali. In molti casi non vengono addotte convincenti prove a carico  ovvero non vengono garantiti a dovere i diritti della difesa. E capita cyhe una denuncia, vera o falsa che sia, scateni una violenza inaudita. L’ultimo sconcertante episodio è avvento all’Università Abdul Wali Khan di Mardan (nella provincia nord-occidentale di Khyber Pakhtunkhwa) dove, nei giorni scorsi, Mashal Khan, studente  di giornalismo, è stato torturato e ucciso a colpi d’arma da fuoco da compagni che lo accusavano di blasfemia. Allungando così la lista delle esecuzioni extragiudiziali motivate da presunta blasfemia: 66, negli ultimi 27 anni,

Fortunatamente ci sono anche notizie di segno opposto. Ne dà conto Paolo Affatato sull'agenzia Fides. In Pakistan, infatti, esistono anche cristiani e musulmani che vogliono costruire la pace sociale e religiosa nella nazione e, con questo intento, hanno lanciato una campagna che ha scelto il simbolo dell’ulivo per indicare l’impegno comune a favore della pace e dell'armonia.Fides ha sottolineato in particolar modo che la Commissione nazionale per il dialogo interreligioso e l'ecumenismo della Conferenza episcopale del Pakistan ha avviato in tutte le diocesi del Pakistan una simbolica campagna finalizzata a piantare ulivi in scuole, chiese, moschee, madrase, seminari, istituzioni cristiane e islamiche. “L'ulivo è un albero sempre verde. Il ramo d'ulivo è un simbolo di abbondanza, gloria e pace. L'ulivo è il simbolo di pace, saggezza, gloria, fertilità, potenza e purezza. La colomba ha portato un ramo di olivo e Noè per dimostrare che il diluvio era finito. L'olivo e l'olio di oliva sono menzionati sette volte nel Sacro Corano e l'olivo è lodato come un frutto prezioso”, ha ricodato pade Francis Nadeem, Segretario esecutivo della Commissione, .

I vostri commenti
12
scrivi

Stai visualizzando  dei 12 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo