logo san paolo
lunedì 14 ottobre 2019
 
IMMIGRATI
 

Austria, il vescovo che dice no al muro

02/05/2016  Monsignor Ägidius Zsifkovics guida la diocesi di Eisenstadt, al confine con l'Ungheria. Quando le autorità di polizia gli hanno chiesto di installare un tratto della barriera di separazione tra i due Paesi su terreni appartenenti alla Chiesa lui ha fatto obiezione di coscienza.

Monsignor Ägidius Zsifkovics, vescovo di Eisenstadt (Austria).
Monsignor Ägidius Zsifkovics, vescovo di Eisenstadt (Austria).

C’è un tempo in cui occorre dire “no”. È quello che ha pensato il vescovo austriaco di Eisenstadt, monsignor Ägidius Zsifkovics, quando la direzione della polizia ha deciso di installare su terreni della sua Diocesi un tratto della barriera che deve dividere l’Austria dall’Ungheria. Dall'altra parte della frontiera, nel villaggio magiaro di Körmend, le autorità di Budapest hanno allestito un centro di accoglienza; Vienna, in piena campagna elettorale per le presidenziali, teme che molti profughi proseguano la loro marcia verso Ovest.

Per questo il Ministero dell’interno ha deciso di costruire una barriera di nove chilometri a Moschendorf, una recinzione più lunga di quella di Spielfeld al confine con la Slovenia. Per poter iniziare a piantare i pali e la rete, però, occorre l’assenso dei proprietari dei terreni. Tra loro c’è la Diocesi di Eisenstadt: monsignor Zsifkovics ha vietato alle ruspe di entrare in due proprietà della Chiesa.

La decisione ha aperto una forte discussione in città: c’è chi gli ha scritto ringraziando «in nome dell’umanità», mentre da altri, che si dichiarano cattolici ma simpatizzano per gruppi xenofobi, sono arrivate critiche violente e rabbia.

Il mite vescovo ha ribadito come la crisi dei rifugiati rappresenti «una cartina al tornasole del cristianesimo»: «L’anno scorso, quando circa 200mila persone hanno passato il confine, abbiamo creato da un giorno all’altro, in edifici ecclesiastici, mille alloggiamenti di fortuna per famiglie sfinite, donne, bambini e persone anziane e indebolite. E ora dovremmo installare steccati sui terreni della Chiesa? È il mio corpo stesso che si ribella». «Ho sempre ricordato che la Sacra Famiglia è stata una famiglia di rifugiati e chi pensa altrimenti non rappresenta il Vangelo», ripete con convinzione. 

Il suo “nein” è una vera e propria obiezione di coscienza: «Sono consapevole – continua – della difficile situazione della Stato, ma non posso accettare per motivi di coscienza. Con ogni fibra del mio corpo affermo che è impossibile per me accettare che nel Ventunesimo secolo si possano costruire dei recinti, destinati a diventare un feticcio». Zsifkovics, che è anche il coordinatore in tema di profughi delle Conferenze episcopali accreditate all’Ue, ricorda di essere nato nel 1963 a Güssing, vicino alla frontiera con l’Ungheria, di essere cresciuto nell’Europa divisa dalla cortina di ferro e di aver sperimentato «tutte le umiliazioni di una zona di confine», sempre con il desiderio di un’altra vita. 

Un tratto del muro già costruito tra Ungheria e Serbia, nei pressi di Morahalom. Foto: Reuters.
Un tratto del muro già costruito tra Ungheria e Serbia, nei pressi di Morahalom. Foto: Reuters.

Quella contro il muro di Moschendorf, però, non è una lotta personale del vescovo, ma vede la Chiesa austriaca impegnata a difendere il valore dell’accoglienza contrapposto a quello che il cardinale di Vienna Schönborn ha sintetizzato con l’espressione «Fortezza Europa». Anzi, è una battaglia che va oltre le frontiere nazionali: dall’altra parte del Brennero, il vescovo di Bolzano-Bressanone, Ivo Muser, ha appena scritto una lettera ai fedeli della Diocesi: «La mia prima preoccupazione non risiede nel fatto che l’economia e il turismo potrebbero avere risvolti negativi, ma va soprattutto a quelle donne, a quegli uomini e a quei bambini in fuga che hanno bisogno del nostro aiuto. Il loro grido di aiuto – la loro fuga non è nient’altro che questo! – richiede la nostra attenzione, il nostro cuore generoso. A che cosa serve celebrare l’Anno della Misericordia, se poi siamo duri di cuore nei confronti del prossimo?!». 

Per la Chiesa, prendere posizione nel dibattito sull’accoglienza che sta dividendo l’Europa non significa ignorare le preoccupazioni della gente.
Tutt’altro: vuol dire provare a orientare i fedeli. Lo ha spiegato proprio il vescovo Zsifkovics: «Capisco le paure delle persone che percepisco attorno a me. Però sarei un cattivo vescovo, se non sapessi dare a queste paure una risposta cristiana. E questa risposta non è lo steccato. Semmai, in caso di necessità, un buco nello steccato!». Per ora non dovrebbe servire: grazie al suo “nein”, i nove chilometri di barriere lungo il confine con l’Ungheria non si faranno.

I vostri commenti
22
scrivi

Stai visualizzando  dei 22 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 78,00 € 52,80 - 32%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%