logo san paolo
venerdì 15 dicembre 2017
 
Società
 

Battezzato il figlio di Nichi Vendola avuto grazie all'utero in affitto

09/10/2016  In una chiesa in provincia di Latina con una cerimonia privata. Il vescovo di Gaeta: «Non ho trovato nulla da ridire perché in linea con quello che dice papa Francesco, ovvero di non creare nuovi atei».

Tobia, il figlio di Nichi Vendola, che ha circa sette mesi, nato grazie all'utero in affitto in America, perché in Italia questo tipo di tecnica non è permessa, dal seme del padre, il compagno dello stesso Vendola, Eddy Testa, e da una donna americana di 29 anni, è stato battezzato ieri nella chiesa di San Michele a Suio. Alla cerimonia, che si è svolta in forma strettamente privata nella chiesa della frazione termale di Castelforte (Latina), erano presenti poche persone e ovviamente il compagno di Vendola, Eddy Testa, originario di Castelforte.

La famiglia dell'ex governatore della Puglia ha scelto di vivere momentaneamente a Castelforte, luogo lontano dai riflettori. Una scelta la loro che aveva provocato forti polemiche. Il nuovo vescovo della diocesi di Gaeta, dalla quale dipende Latina, ha affermato di non avere avuto nulla da obiettare: «Mi era stato chiesto il permesso, non ho trovato nulla da ridire perché in linea con quello che dice papa Francesco, ovvero di non creare nuovi atei. Il Codice di Diritto Canonico, tra l'altro, come prevede l'accoglienza per i divorziati lo fa anche per situazioni del genere e la prima cosa è quella di tutelare i bambini».

I vostri commenti
112
scrivi

Stai visualizzando  dei 112 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo