logo san paolo
lunedì 19 novembre 2018
 
Kolossal
 

Caviezel torna a interpretare Gesù nel sequel di The passion

02/02/2018  Mel Gibson al lavoro per il film che dovrebbe intitolarsi "La resurrezione". «Sarà il più grande nella storia del cinema», dice l'attore

Mel Gibson conferma la preparazione del sequel di The passion, che si intitolerà The Passion Of The Christ: Resurrection, e avrà ovviamente come tema la resurrezione.  Ed è di questi giorni la notizia che sarà sempre l’attore Jim Caviezel a interpretare Gesù, che ha dichiarato:  «Ci sono una quantità di cose che non posso rivelare, ma vi assicuro che è un film straordinario. Non vi dirò di cosa parla, ma posso dirvi questo: il film che Mel sta cercando di fare sarà il più grande nella storia del cinema. È davvero un ottimo lavoro». Quando uscì nelle sale nel 2004, La passione di Cristo  fu molto criticato a causa del suo antisemitismo strisciante e delle scene di cruda  violenza. Divenne però un grosso successo commerciale, guadagnando 611 milioni di dollari a fronte di un budget di 30 milioni. Mel Gibson, che del film era produttore, regista e cosceneggiatore (insieme a Benedict Fitzgerald) sarà ancora produttore e molto probabilmente regista del sequel. Lo sceneggiatore è invece Randall Wallace, autore di Braveheart – Cuore impavido, uscito nel 1995, per la regia di Gibson, e vincitore di cinque Oscar. 
Jim Caviezel ha 49 anni, ed è apparso in film come Soldato Jane, La sottile linea rossa,  Angel Eyes - Occhi d'angelo,  Identità sospette,  Outlander - L'ultimo vichingo. Al suo impegno di attore alterna ormai in modo sistematico conferenze, incontri, dibattiti a sfondo teologico e religioso; non ha esitato inoltre a pronunciarsi in modo categorico contro alcune proposte di legge del Congresso degli Stati Uniti che si discostavano dai valori cristiani. Una conversione che è nata proprio in concomitanza con la sua interpretazione di Gesù nel film  di Gibson.

I vostri commenti
24
scrivi

Stai visualizzando  dei 24 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo