logo san paolo
mercoledì 01 giugno 2016
 
dossier
 

Malgioglio: la penso come Dolce e Gabbana

16/03/2015  Il popolare cantautore commenta le polemiche seguite alle dichiarazioni dei due stilisti sulla possibilità di concedere il diritto di adottare bambini a coppie gay.

"Dolce e Gabbana hanno usato parole troppo forti, ma nella sostanza anche a me dare la possibilità agli omosessuali di adottare dei bambini non convince per niente". Cristiano Malgioglio, cantautore e autore di canzoni memorabili per Mina e Iva Zanicchi, omosessuale dichiarato, all'inizio nicchia un po' ("mi hanno chiamato anche dalla Spagna e dal Portogallo per sapere cosa ne penso: sono questioni troppo delicate"), ma poi accetta di rispondere alle nostre domande.

Perché è contrario alle adozioni?
"Più che contrario, direi che avrei molti dubbi, specie per le coppie costituite da uomini. Credo che la presenza femminile sia fondamentale per la buona crescita di un bambino. Io ho adottato tre figli a distanza e sono felice così. E comunque se penso a una famiglia, resto fedele al modello tradizionale, formato da un uomo e da una donna".

Lei ha anche dichiarato che le dà fastidio vedere due omosessuali che si baciano in pubblico...
"Se è per quello mi sento a disagio anche se vedo un uomo e una donna baciarsi. E' un pudore che ho ricevuto con l'educazione che mi hanno impartito i miei genitori. In privato ciascuno può fare quel che vuole, in pubblico è meglio di no".

E' favorevole a una legge contro l'omofobia?
"Penso che più che sul piano legislativo, occorra agire su quello educativo. Da questo punto di vista la situazione, rispetto a quando ero giovane io, mi sembra addirittura peggiorata. Sono però favorevole a una legge che disciplini le unioni di fatto".

Anche con la possibilità di sposarsi? In questo caso, lei lo farebbe?
"Assolutamente no. Ci tengo alla mia libertà..."

Speciale Giubileo della Misericordia
I vostri commenti
11
scrivi

Stai visualizzando  dei 11 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Pubblicità
    Edicola San Paolo