logo san paolo
domenica 16 dicembre 2018
 
L'ADDIO DI BENEDETTO XVI
 

L'emozione mi paralizzava: parla la giornalista che diede la notizia

11/02/2016  Il primo flash d'agenzia alle 11,46 dell'11 febbraio 2013. Il racconto di Giovanna Chirri, la vaticanista dell'Ansa che annunciò al mondo la decisione del Papa.

Giovanna Chirri, vaticanista dell'agenzia Ansa.
Giovanna Chirri, vaticanista dell'agenzia Ansa.

Suo il flash delle 11,46. Suoi i pezzi successivi. Giovanna Chirri è la vaticanista dell'Ansa che annunciò al mondo il passo indietro di Benedetto XVI: Joseph Ratzinger aveva rinunciato al ministero petrino. Ecco il racconto di quelle ore, così come riportato dall'Ansa.

  
L'11 febbraio 2013 è festa in Vaticano per l'anniversario dei Patti Lateranensi. Papa Ratzinger tiene un concistoro per i decreti di canonizzazione di alcuni santi, tra cui i martiri di Otranto, molto venerati in Puglia; la sala stampa fa orario festivo e siamo appena entrati, quando alle 11 ci arrivano sul monitor le immagini del Papa, del cardinale Angelo Amato e di monsignor Guido Pozzo, davanti a loro molti dei cardinali presenti a Roma. Il cardinale prefetto della Congregazione per le cause dei santi parla a lungo in latino, poi tocca a Benedetto XVI che annuncia il dodici maggio come data per la canonizzazione dei martiri di Otranto. Sento "duodecim" e scrivo la notizia della canonizzazione, la avvio al desk, mettendoci anche il "reloc" della Puglia.

Benché il Concistoro a quel punto debba essere finito, il Papa resta seduto, e comincia a leggere, sempre in latino, da un foglio bianco che tiene in mano.
Dice subito due cose: che non ha convocato i cardinali solo per i decreti delle canonizzazioni, ma deve dire una cosa "importante per la vita della Chiesa", e che sta diventando vecchio: "ingravescente aetate". A queste parole è come se una mano mi afferrasse la gola e mi si gonfiasse un palloncino dentro la testa: la "Ingravescentem aetatem" è il documento con cui Paolo VI tolse ai cardinali ultraottantenni il diritto di eleggere i papi, sono le parole per il pensionamento.Benedetto XVI continua a parlare nel suo latino che per fortuna mi suona molto più comprensibile di quello del cardinale Amato, parla a lungo, dicendo di non aver più le forze per governare la barca di Pietro in un mondo sempre più veloce. Spiega che in coscienza ha deciso di lasciare, che i cardinali dovranno tenere un conclave per l'elezione del successore e stabilisce l'inizio della sede vacante alle 20 del 28 febbraio.

Io sento ma è come se non sentissi, continua a mancarmi il fiato e le gambe mi tremano da seduta, la sinistra non riesco proprio a tenerla ferma, neppure bloccandola con il palmo della mano. Comincio a telefonare a raffica cercando aiuto e conferme. In Vaticano, dove ovviamente tutti avevano altro a che pensare, nessuno mi risponde. Sono in preda ad una sensazione di terrore che non ho mai provato in vita mia. Intanto papa Ratzinger ha finito di parlare. Alcuni volti dei presenti sono attoniti, monsignor Guido Pozzo, vicino a lui, sembra impietrito, diversi porporati hanno lo sguardo fisso e i muscoli facciali immobili. Nel silenzio irreale il decano del collegio cardinalizio, Angelo Sodano, dice, in italiano, che "la notizia ci coglie come un fulmine a ciel sereno".

Qui sopra, in alto e in copertina: alcuni momenti del Concistoro dell'11 febbraio 2013 in cui Joseph Ratzinger annunciò la sua intenzione di rinunciare al ministero petrino. Foto Ansa.
Qui sopra, in alto e in copertina: alcuni momenti del Concistoro dell'11 febbraio 2013 in cui Joseph Ratzinger annunciò la sua intenzione di rinunciare al ministero petrino. Foto Ansa.

"Hai capito eccome - mi dico per rassicurarmi - il Papa si è dimesso". Scrivo la notizia, telefono in redazione e dico alla collega caporedattore che il Papa si è dimesso, le spiego che lo ha detto in latino e che per un Papa non si parla di dimissioni ma di rinuncia al Pontificato. Mi sembra che quando sente "latino" la collega abbia qualche attimo di incertezza, ma poi si fida di me, e cominciamo a valutare il testo della notizia. Mentre ci parliamo concitatamente, sul fisso della sala stampa chiama il portavoce padre Federico Lombardi, ha trovato la mia chiamata e gentilmente richiama. "Padre Federico - gli faccio - ma ho capito bene? Il Papa si è dimesso?". "Hai capito bene - mi dice con tono molto sereno, operativo - va via dal 28 febbraio". Nella concitazione attacco il telefono credo senza neppure salutare, "vai, trasmettiamo", dico alla collega, e dopo pochi secondi il flash è sulla rete dell'Ansa, e la notizia viene rilanciata in tempi rapidissimi dalle grandi agenzie internazionali.

A questo punto crollo e scoppio in singhiozzi, e tra un singhiozzo e l'altro scrivo qualche altro dettaglio su come è venuta fuori la notizia, sulla frase di Sodano, un po' di atmosfera circa le facce dei cardinali.Piango e scrivo, poi tiro giù un tweet per il mio account di "Vaticanista fuori moda": "B16 si è dimesso lascia il pontificato dal 28 febbraio", sintetizzo, preferendo l'imprecisione, visto che un Papa non si dimette, ma rinuncia al pontificato, imprecisione che in questo caso significa comunicazione immediatamente comprensibile. 

Mi telefona il direttore per dirmi "brava", e io mi scuso per aver pianto: mi hanno insegnato che un giornalista non applaude e non fischia, figuriamoci se può piangere. Il direttore è molto affettuoso e non eccepisce, io mi giustifico in cuor mio: sono stati momenti terribili, a livello umano e professionale, e Benedetto XVI è un papa che amo. La sala stampa ha cominciato a popolarsi come nelle grandi occasioni, perché padre Lombardi ha avvertito con sms che terrà un briefing. In stato di choc mi sposto dal box dell'Ansa alla vicina sala del briefing e mi siedo. Si avvicina una collega di Radiovaticana, mi piazza il microfono davanti alla faccia e mi fa: "Giovanna, tu che sei stata la prima al mondo a dare la notizia della rinuncia di Benedetto XVI, puoi farci in poche parole un primo bilancio di questo pontificato?". 

Raccolgo le idee e ne esprimo qualcuna di senso compiuto. Quando la collega mi ringrazia e si allontana, realizzo le sue parole: sono stata la prima al mondo dare la notizia della rinuncia. Quello che ho provato lo possono capire, credo, solo i vaticanisti d'agenzia: siamo vissuti nel terrore di bucare "la" notizia, che per noi è la morte del Papa, terrore che non si era mai spinto a immaginare il primo papa dimissionario da quasi sei secoli. Credo di aver capito prima con la pancia che con la testa, e certo la pancia mi ha aiutato: la sensazione di una mano che ti afferra la gola era identica a quella che avevo provato, giovane vaticanista, svegliandomi nel cuore della notte con il terrore di aver bucato la morte del Papa, o di non aver pronti i coccodrilli (articoli che raccontano la biografia di un personaggio e ne tracciano il bilancio, ndr.)  o di aver perso la chiavetta con i coccodrilli.

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo