logo san paolo
domenica 24 febbraio 2019
 
Regionali
 

Elezioni regionali: astensionisti primo partito d'Italia

03/06/2015  Demopolis analizza il voto per le Regionali: astensione, flussi elettorali e spostamenti del consenso. "La tendenza al non voto" - dice Pietro Vento, direttore dell'Istituto - "è in costante crescita dal 2013".

Pietro Vento.
Pietro Vento.

È l’astensione il dato più caratterizzante anche nel voto del 31 maggio nelle 7 Regioni chiamate alle urne. Su quasi 19 milioni di elettori, appena il 45%, 8 milioni e mezzo, ha espresso un voto valido ad una lista; oltre 9 milioni, il 48%, si sono astenuti. Quasi un milione e mezzo ha espresso un voto non valido o ha votato soltanto per il candidato Governatore. 

“È una dimensione nettamente superiore anche a quella delle ultime Europee del 2014: la tendenza al non voto – afferma il direttore dell’Istituto Demopolis Pietro Vento – cresce ormai ininterrottamente dal 2013 anche in aree del Paese nelle quali, sino a poco tempo addietro, votava oltre il 70% degli elettori. Demopolis ha analizzato le ragioni del non voto tra quanti hanno scelto di restare a casa: il 40% appare ormai convinto che la politica in Italia non sia più in grado di incidere sulla vita reale dei cittadini; il 27% sostiene di non sentirsi oggi rappresentato dai partiti votati in passato. Un quarto degli intervistati – conclude Pietro Vento – spiega la propria scelta con la scarsa fiducia riposta nei candidati in lista a livello regionale o locale”. 

Quasi tutte le liste sono risultate fortemente penalizzate dall’astensione in termini di voti assoluti. Secondo l’analisi dei flussi elettorali e sugli spostamenti del consenso, realizzata dall’Istituto Demopolis, su 100 elettori che avevano scelto il PD alle Europee del maggio scorso, 62 hanno rivotato nelle 7 Regioni il partito di Renzi o le liste dei candidati Presidenti; 8 hanno preferito altre liste, 3 elettori su 10 hanno optato per l’astensione.

Quadro non dissimile quello del Movimento 5 Stelle: 6 su 10, tra quanti avevano votato Grillo alle Europee, hanno confermato il voto al Movimento alle Regionali, 11 su 100 hanno scelto altre opzioni; 29 su 100 sono rimasti a casa.  

Il voto del 31 maggio, pur con la vittoria di Toti in Liguria, conferma i nuovi equilibri nel Centro Destra. Secondo lo studio di Demopolis, su 100 elettori di Forza Italia alle Europee, in 59 hanno rivotato nelle 7 Regioni il partito di Berlusconi. 

Tra le liste minori, tengono sostanzialmente i voti delle Europee NCD-UdC e Fratelli d’Italia. Unica a crescere il 31 maggio, trascinata dal successo in Veneto, è la Lega. 

L’Istituto diretto da Pietro Vento ha analizzato la composizione del consenso al partito di Salvini in base al voto espresso alle Europee: su 100 elettori odierni alle Regionali (quasi un milione e 300 mila incluse le liste Zaia), poco più di 500 mila avevano già scelto la Lega un anno fa. 8 su 100 avevano votato il M5S, 5 il PD, 14 altre liste o si erano astenuti. Secondo l’analisi post voto di Demopolis, 33 su 100 degli attuali elettori leghisti avevano scelto Forza Italia alle Europee. Un flusso che conferma, anche a livello regionale, i mutati equilibri nell’area di Centro Destra.

Pietro Vento
(direttore dell'Istituto Demopolis)

Nota informativa - L’analisi sui flussi elettorali e sull’astensione è stata condotta dal 31 maggio al 2 giugno 2015 dall’Istituto Demopolis, diretto da Pietro Vento, su un campione rappresentativo dell’universo della popolazione italiana maggiorenne residente nelle 7 Regioni chiamate alle urne. Coordinamento di Pietro Vento, con la collaborazione di Giusy Montalbano e Maria Sabrina Titone; supervisione della rilevazione di Marco E. Tabacchi. Approfondimenti e metodologia su: www.demopolis.it

Multimedia
Elezioni regionali: oltre 9 milioni gli astenuti
Correlati
I vostri commenti
3
scrivi

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo