logo san paolo
lunedì 21 gennaio 2019
 
 

Fuochi d'artificio: divieti e ordinanze non risolvono il problema

30/12/2013  "Le ordinanze per vietare l’utilizzo di petardi nella notte del 31 dicembre con sanzioni anche fino a 500 euro non risolvono il problema dei botti di fine anno, perché alla base dei fuochi pirotecnici illegali e di chi ne fa uso c’è il gusto per il pericolo e per la trasgressione delle regole". Così Margherita Spagnuolo Lobb, psicoterapeuta, analizza il problema dei botti di Capodanno

«Le ordinanze emanate da alcuni sindaci per vietare l’utilizzo di petardi e fuochi pirotecnici nella notte di Capodanno, con sanzioni che arrivano fino a 500 euro, non risolvono il problema dei botti di fine anno e dell’ormai consueto bilancio di feriti, se non di morti, che ne deriva. Anzi, i divieti contribuiscono a far degenerare il problema, perché alla base dei botti e di chi ne fa uso c’è il gusto per il pericolo e per la trasgressione delle regole».

Lo sostiene Margherita Spagnuolo Lobb, psicoterapeuta, che ha analizzato il fenomeno dei botti di fine anno.   «Chi usa i petardi e va a cercare proprio quelli più pericolosi e illegali vuole soddisfare il senso di potere che spinge a liberarsi dalle costrizioni delle regole. Far scoppiare un petardo non è solo un divertimento azzardato: significa misurarsi col rischio e dimostrare a tutti di potercela fare. Così inizia una sorta di roulette russa: dopo un botto bisogna farne scoppiare un altro, magari più forte, e poi caricare un video su youtube per dimostrare al pubblico della Rete il proprio successo», spiega la dottoressa.  

«Il petardo rappresenta la ricerca del senso di forza, di successo: tutte cose che la società di oggi sembra aver rubato ai giovani, che appaiono sempre più depressi, smarriti, senza punti di riferimento. Il lavoro non c’è, il panorama socio-economico è instabile, i rapporti familiari e affettivi appaiono fragili: ecco perché sempre più giovani avvertono il bisogno di manifestare la propria vitalità attraverso il possesso e l’uso dei botti, ancor di più se sono proibiti. È insomma una forma di antidepressivo», continua l’esperta.   «La soluzione al problema non sono ordinanze e divieti, che possono al contrario alimentare il gusto per la trasgressione, ma un lavoro sinergico tra la famiglia e la società, per alimentare l’autostima e le capacità dei giovani, in modo da farli sentire più forti e realizzati, senza ricercare soddisfazione e benessere nei pericoli in genere». 

I vostri commenti
3
scrivi

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo