logo san paolo
giovedì 18 ottobre 2018
 
dossier
 

Da Wojtyla a Bergoglio: la storia delle Gmg

09/04/2017  Quando sono nate, perché e cosa sono le Giornate mondiali della gioventù. L'intuizione di Giovanni Paolo II, le prime edizioni degli anni Ottanta, le tappe europee e quelle in America e Asia. Benedetto XVI. Infine Francesco: i tre milioni di Rio de Janeiro e i due milioni di Cracovia. Nel 2017 la celebrazione è a livello diocesano. Il prossimo raduno internazionale a Panama, nel gennaio 2019.

Quella programmata in tutte le diocesi la prossima Domenica delle Palme, il 9 aprile 2017, è la trentaduesima Giornata mondiale della gioventù. Tutto nasce da una grande intuizione di Karol Wojtyla che Joseph Ratzinger e Jorge Mario Bergoglio hanno confermato. Interpretandola ciascuno a suo modo.

Durante il Giubileo del 1983-1984 (chiamato Anno Santo della Redenzione, in memoria della morte di Gesù Cristo), la più importante celebrazione dedicata alla gioventù fu organizzata a Roma in occasione della Domenica delle Palme, il 15 aprile 1984. Più di 300.000 giovani provenienti da tutte le parti del mondo giunsero nella Città eterna per partecipare al Giubileo internazionale della gioventù. Papa Giovanni Paolo II regalò loro una croce di legno. L’anno seguente, il 1985, fu proclamato dall’Onu "Anno internazionale della Gioventù". La Chiesa cattolica organizzò un nuovo incontro internazionale per la Domenica delle Palme, il 31 marzo, che vide la partecipazione di altri 350.000 giovani che si riunirono in Piazza San Pietro.

Dopo questo evento il Papa istituì la Giornata mondiale della gioventù, con cadenza annuale. Ogni due anni prima, ogni tre da qualche tempo in qua, vengono promossi incontri internazionali. Finora ne sono stati organizzati a Buenos Aires (Argentina, 1987), Santiago de Compostela (Spagna, 1989), Czestochowa (Polonia, 1991), Denver (Usa, 1993), Manila (Filippine, 1995), Parigi (Francia, 1997), Roma (2000), Toronto (Canada, 2002), Colonia (Germania, 2005), Sydney (Australia, 2008), Madrid (Spagna, 2011), Rio de Janeiro (Brasile, 2013: 3 milioni di pellegrini hanno affollato Copacabana), Cracovia (Polonia, 2016: due milioni i fedeli giunti nonostante la paura scatenata dall'attentato di Nizza, avvenuto qualche giorno dell'inizio della Gmg, e il martirio di padre Jacques Hamel, ucciso in chiesa, in Normandia, a Gmg appena iniziata). Il prossimo incontro internazionale legato alla Giornata mondiale della gioventù si svolgerà a Panama, dal 22 al 27 gennaio 2019.

Un momento dell'ultimo raduno internazionale legato a una Gmg, svoltosi in Brasile, a Rio de Janeiro, nel luglio 2013. Foto Reuters.
Un momento dell'ultimo raduno internazionale legato a una Gmg, svoltosi in Brasile, a Rio de Janeiro, nel luglio 2013. Foto Reuters.

«Finalità principale delle Giornate», scrisse Giovanni Paolo II nel 1996,  «è di riportare al centro della fede e della vita di ogni giovane la persona di Gesù, perché ne diventi costante punto di riferimento e perché sia anche la vera luce di ogni iniziativa e di ogni impegno educativo verso le nuove generazioni. È il “ritornello” di ogni Giornata mondiale. E tutte insieme, nell’arco di questo decennio, appaiono come un continuo e pressante invito a fondare la vita e la fede sulla roccia che è Cristo».

«I giovani sono così periodicamente chiamati a farsi pellegrini per le strade del mondo», aggiunse Karol Wojtyla. «In essi la Chiesa vede se stessa e la sua missione fra gli uomini; con loro accoglie le sfide del futuro, consapevole che l’intera umanità ha bisogno di una rinnovata giovinezza dello spirito. Questo pellegrinaggio del popolo giovane costruisce ponti di fraternità e di speranza tra i continenti, i popoli e le culture. È un cammino sempre in atto. Come la vita. Come la giovinezza». 

«Col passare degli anni», precisò ancora il Papa, «le Giornate mondiali della gioventù hanno confermato di non essere riti convenzionali, ma eventi provvidenziali, occasioni per i giovani di professare e proclamare con crescente gioia la fede in Cristo. Ritrovandosi, essi possono interrogarsi insieme sulle aspirazioni più intime, sperimentare la comunione con la Chiesa, impegnarsi nell’urgente compito della nuova evangelizzazione. In tal modo si danno la mano, formando un immenso cerchio di amicizia, congiungendo i colori della pelle e delle bandiere nazionali, la varietà delle culture e delle esperienze, nell’adesione di fede al Signore Risorto».

Multimedia
Gmg, il flashmob dei vescovi
Correlati
«Io, papa Wojtyla e le Gmg»
Correlati
Gmg, il flashmob dei vescovi
Correlati
I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo