logo san paolo
domenica 18 agosto 2019
 
La città di don Primo Mazzolari
 

Arriva il Papa: l'attesa discreta e raggiante di Bozzolo

19/06/2017 

“Anche io voglio bene al Papa”. Sarà il titolo del libro di don Primo Mazzolari – pubblicato nel 1942 e subito bollato come sgradito dal Vaticano perché presentava Pio XII in maniera troppo umana – ad accogliere Francesco domani al suo arrivo a Bozzolo. 

La visita del Pontefice al paese dove don Primo Mazzolari (1890-1959) fu parroco, e dove sono conservate le sue spoglie, durerà solo un’ora e mezza ma per il piccolo borgo della Bassa pianura Padana è un evento storico. I balconi, le cancellate e gli esercizi commerciali sono addobbati a festa con i colori del Vaticano e per le strade si respira aria di attesa. 

Un’attesa raggiante ma allo stesso tempo discreta, potremmo dire in stile “mazzolariano”: quanto l’apostolo della misericordia fu concreto e senza fronzoli nell’impegno pastorale, sociale e politico, tanto oggi i suoi “parrocchiani” attendono Francesco con una trepidazione intensa ma discreta. “Dalla notizia della visita del Santo Padre in poi è stato un crescendo di gioia: ci sentiamo dei privilegiati e dobbiamo dire grazie a don Primo e a papa Francesco”, dice don Gianni Maccalli, parroco di San Pietro apostolo. 

I sacerdoti hanno invitato i fedeli a vivere il pellegrinaggio di Francesco “con genuino spirito di fede, non come un’occasione mondana”, e Bozzolo ha risposto con uno stile che sarebbe piaciuto anche alla “tromba dello Spirito Santo”, come lo definì Giovanni XXIII. “Siamo in 4 mila fedeli: tutti, perfino i bambini dell’asilo, si sono preparati all’incontro con il Papa. Assieme alle altre chiese della diocesi abbiamo provveduto a una raccolta fondi per le opere di carità del Pontefice: la generosità con cui hanno risposto i parrocchiani dice tanto del desiderio che abbiamo di incontrare il Santo Padre”. 

Mentre in piazza Mazzolari i curiosi che resistono al solleone guardano gli ultimi lavori di sistemazione dei maxi schermi, in oratorio i più di 120 bambini giocano come in una normale giornata di Grest: “Abbiamo pregato per l’arrivo di Francesco e domani lo aspetteremo tutti assieme”, dice don Gabriele Barbieri, vicario parrocchiale.

 

Domani Francesco atterrerà alle 9 in elicottero al campo sportivo, dove sarà accolto dal vescovo di Cremona,  monsignor Antonio Napolioni, e da Giuseppe Torchio, neo sindaco di Bozzolo. In auto chiusa raggiungerà poi la chiesa parrocchiale e, entrato, sosterà alla cappella del Sacro cuore (dove si conserva l’Eucaristia) e si dirigerà verso la tomba di don Mazzolari, in fondo alla navata destra. Qui deporrà un cesto di fiori, portato dai ragazzi della parrocchia, e pregherà davanti alla tomba di marmo chiaro, dove il parroco di Bozzolo è ricordato come semplice sacerdote, e su cui è accesa la lampada benedetta da Paolo VI, che di lui disse “camminava avanti con un passo troppo lungo e spesso noi non gli si poteva tener dietro”. A destra, da aprile, campeggia poi anche una rosa d’argento, e il biglietto autografo di accompagnamento, dono personale di Francesco. Sulla tomba è anche incisa l’invocazione tratta dal libro di Geremia “E io non ho paura, perché seguo te, il Pastore” (Ger 17,14-16), che don Mazzolari trascrisse di suo pugno: sembra di vederlo, il parroco di Bozzolo, imperterrito e pieno di fede mentre si espone per i diritti dei poveri e contro il fascismo senza essere compreso dalla sua Chiesa. 

“Preghiamo perché il Papa rinforzi la nostra fede e risvegli il senso di comunità: glielo chiederemo per intercessione di don Primo”, dice ancora don Maccalli. In chiesa circa 450 persone fra clero e fedeli potranno ascoltare le parole del Papa; Francesco si dirigerà poi nello studio di don Primo, una piccola stanza al piano terra nella casa parrocchiale adiacente alla chiesa, dove sono conservati i mobili e il grande tavolo di legno su cui il sacerdote scrisse i suoi libri. La stessa che gli anziani del paese ricordano bene perché, dopo aver bussato, bisognava tendere le orecchie: la voce “grossa” di don Primo si doveva fare largo fra le pigne di libri che lo coprivano fino a nasconderlo.

A Bozzolo sono attese 15 mila persone e l’accesso ai parcheggi sarà governato fin dalle prima luci dell’alba. Per non correre il rischio di rimanere lontani, alcuni hanno già “fatto avere” le loro preghiere a don Primo, annotandole sul libro accanto alla tomba: “Caro don Primo, è da ieri che mi sta capitando un fatto che non mi succedeva da parecchio tempo: mi sono commosso pensando all’amore che hai dato all’umanità”. Sarà anche una visita breve, ma per i “parrocchiani di don Primo” vale una vita intera.

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 92,90 - 11%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
CREDERE
€ 78,00 € 52,80 - 32%
FELTRO CREATIVO
€ 22,00 € 0,00 - 18%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%