logo san paolo
mercoledì 19 giugno 2019
 
Il Rapporto di Amnesty International
 

Pena di morte: la lista nera

13/04/2017  Il maggior numero delle esecuzioni avviene in CIna e i dati sono coperti dal segreto di stato. Tante condanne eseguite anche in Arabia Saudita, Iraq, Iran e Pakistan.

Cina, Iran, Arabia Saudita, Iraq, Pakistan. Sono questi i paesi nei quali, nel 2016, sono state eseguite più condanne a morte. Il boia, a seconda delle leggi locali, decapita, fucila, impicca, oppure esegue un’iniezione letale.

Il dato è reso noto da Amnesty International, che ha pubblicato il Rapporto sulla pena di morte nel mondo nel 2016. Amnesty può documentare 1.032 esecuzioni in 23 paesi, ma i dati reali sono certamente superiori. La Cina, si sa, resta il maggior esecutore mondiale, tuttavia la reale entità dell’uso della pena di morte nel paese asiatico è sconosciuto, infatti i dati sono classificati come segreto di stato. Si ritiene che in Cina le condanne eseguite siano migliaia.

Per quanto riguarda le condanne a morte, sono state 3.117, mentre nel mondo sono 18.848 le persone rinchiuse nel “braccio della morte”, la sezione del carcere in cui vengono isolati i condannati alla pena capitale.

Una buona notizia arriva dagli Stati Uniti, che per la prima volta dal 2006 non sono nella lista dei primi cinque paesi al mondo per numero di esecuzioni. Nel 2016 sono state eseguite 20 condanne a morte, il numero più basso dal 1991. Diminuisce anche il numero delle condanne a morte. Sono 32, mai così poche dal 1973. Gli stati americani che hanno eseguito condanne cinque: Alabama, Florida, Georgia, Missouri e Texas. 

Dati preoccupanti, invece, arrivano da altri paesi asiatici come il Vietnam, la Malesia e le Filippine. Le Filippine del presidente Duterte, dopo aver abolito al pena di morte nel 2006, stanno cercando di reintrodurla. Anche le Maldive, minacciano di riprendere le esecuzioni dopo 60 anni.

Multimedia
Philadelphia, il Papa abbraccia i detenuti: «Che pena le carceri che non recuperano le persone e non curano le piaghe»
Correlati
I vostri commenti
9
scrivi

Stai visualizzando  dei 9 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 78,00 € 52,80 - 32%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%