Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 30 maggio 2024
 
dossier
 

Da Roma a Glasgow, il mondo in affanno discute del futuro

29/10/2021  Si comincia sabato 30 ottobre a Roma, con il G20. Il testimone passa poi a Glasgow, in Scozia, per il summit Onu sul clima. I grandi della Terra discutono di Covid, economia e ambiente. Il pensiero della Chiesa a nome e per conto dei poveri. Le richieste della società civile. Il videoeditoriale di Luciano Regolo, condirettore di Famiglia Cristiana

Il flash mob degli attivisti di Oxfam, Amnesty International ed Emergency a Roma, alla vigilia del G20. Foto Reuters. Sopra: un lago dalla curiosa forma di cuore in Russia, a Balashikha, a 20 chilometri da Mosca, in Russia. Foto dell'agenzia Reuters.
Il flash mob degli attivisti di Oxfam, Amnesty International ed Emergency a Roma, alla vigilia del G20. Foto Reuters. Sopra: un lago dalla curiosa forma di cuore in Russia, a Balashikha, a 20 chilometri da Mosca, in Russia. Foto dell'agenzia Reuters.

E' un mondo in affanno quello che s'appresta a celebrare la festività di Ognissanti. Il Covid, innannzitutto. Soltanto il 2 per cento della popolazione dei Paesi più poveri è stato vaccinato contro una media del 60 per cento dei Paesi più sviluppati. Intanto la strage continua: gli ultimi  dati dell'Organizzazione mondiale della sanità registrano 243.857.028 contagiati e 4.953.246 morti in tutto il pianeta.

C'è un altro virus che colpisce senza pietà: la diseguaglianza economico-sociale. L’Oxfam ha documentato come il Coronavirus abbia aggravato il divario tra ricchi e poveri rendendolo sempre più profondo. Un dato per tutti. Dall’inizio della pandemia il patrimonio dei primi 10 miliardari della Terra è aumentato di 540 miliardi di dollari complessivi.

Il clima, infine. L’obiettivo principale dei negoziati tra gli Stati e delle richieste della società civile è limitare l'incremento della temperatura media mondiale ben al di sotto di 2° rispetto ai livelli preindustriali e proseguire l'azione volta a limitare tale incremento a 1,5°. Per limitare e sconfiggere l’inquinamento si dovrebbe progressivamente scoraggiare la produzione di energia elettrica da fonti fossili (carbone e petrolio) e incentivare quella ottenuta da fonti rinnovabili (eolico, solare, idroelettrico).

Sono solo alcuni degli argomenti segnati nell'agenda dei Grandi della Terra che si danno appuntamento alla Nuvola dell'Eur, a Roma, per il G20 e poi vanno in Scozia, a Glasgow, per il summit Onu (Cop26) su clima e ambiente.

L'editoriale di Luciano Regolo, condirettore di Famiglia Cristiana  

Il videoeditoriale di Luciano Regolo

Multimedia
COP 26, preghiere e manifestazioni a Glasgow per il summit sul clima
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo