logo san paolo
martedì 16 agosto 2022
 
Una ricerca internazionale
 

A trattare male i dipendenti ci rimettono le aziende

12/06/2016  I risultati di uno studio su 289 imprese certificate mostra come i manager che credono nel valore dei propri dipendenti e investono sul loro lavoro tendono a positivi risultati in Borsa e nel fatturato. Top Emplyers: «La profonda attenzione al capitale umano crea benessere diffuso e crescita dell'azienda».

(Nella foto: l'asilo nido aziendale della Tetra Pak a Modena)


Uno studio del Top Employers Institute, un ente di certificazione riconosciuto a livello globale che valuta le eccellenze di lavoro messe in atto dalle imprese, conferma una vecchia intuizione resa celebre da Henry Ford all'inizio del Novecento in America, quando iniziò l'assemblaggio in serie delle automobili: «Il capitale più straordinario che ha un'azienda non sono le fabbriche, i mezzi di produzione o le disponibilità finanziarie, ma sono i dipendenti. Il vero tesoro per un capitano d'impresa è chi lavora». Henry Ford intendeva dire che maltrattare un lavoratore, o anche soltanto spegnere l'entusiasmo che c'è in lui, ridicolizzare o rendere vana la sua dedizione e il suo attaccamento all'azienda, alla lunga danneggia l'imprenditore stesso, la sua capacità di competere e di creare valore.

È ovvio che occorre sempre evitare di cadere nell'eccesso opposto, il paternalismo aziendale, ma i dati delle aziende certificate parlano chiaro: chi tratta bene i dipendenti e investe sulle Risorse umane fa profitti e vola in Borsa. La ricerca di Top Emplyers, che si è svolta per cinque anni, dal 2011 al 2015, e che ha motitorato i principali indici borsistici mondiali, documentano un sensibile incremento dei titoli azionari e del fatturato nelle aziende che non snobbano i dipendenti e investono nella loro crescita. Lo studio ha analizzato 289 imprese internazionali attentissime al valore aggiunto delle Risorse umane (terribile espressione che i manager usano per indicare i dipendenti) e alla loro formazione e soddisfazione in azienda. Ed ecco i risultati: +57,5%  l'aumento del valore del titolo azionario: +51,2%  la performance rispetto agli indici di Borsa; +20,9% l'incremento del fatturato.

Dunque, le aziende certificate a livello globale - che, ricordiamolo, sono quelle che investono sul personale, che adottano le migliori esperienze, procedure e azioni a favore dei dipendenti -  ottengono risultati sensibilmente migliori dell'andamento medio del mercato rispetto alle aziende che non si curano dei propri dipendenti o che li trattano come un peso e non come una risorsa. David Plink, amministratore delegato di Top Employers Institute, precisa: «Non stiamo dicendo che esista un rapporto diretto tra le "best practise" nell'ambito delle Risorse umane e l'incremento del valore azionario o del fatturato. Ma che una gestione coinvolgente e motivata dei dipendenti, e soprattutto una profonda attenzione al valore del capitale umano, può contribuire positivamente ai risultati operativi. Non solo: un ambiente di lavoro ottimale e una sensibilità mirata alla crescita professionale delle persone si traducono, in ultima analisi, in benessere diffuso, che è ciò che fa crescere l'azienda».

I vostri commenti
11

Stai visualizzando  dei 11 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo