logo san paolo
mercoledì 25 maggio 2022
 
Incontri
 

Anche Guccini aspetta papa Francesco

23/04/2018  Il cantautore ha atteso insieme ai fedeli della Diocesi di Bologna l'arrivo di Papa Francesco. La sua canzone Dio è morto nel 1967, fu censurta in Rai, ma venne trasmessa solo da Radio Vaticana.

A chi conosce solo superficialmente il cantautore Francesco Guccini può apparire strano vederlo insieme alla Diocesi di Bologna ad attendere in piazza San Pietro l'arrivo del Papa che, poi, passando si è soffermato a scambiare due parole con lui.

È vero che il Maestrone, come lo chiamano i suoi fan o meglio i suoi seguaci e ammiratori, si è sempre dichiarato anarchico e agnostico, ma è anche vero che in più interviste ha dichiarato la sua ammirazione per la Rivoluzione di Bergoglio sentita come "vera e vicina al messaggio di Gesù". Inoltre, nonostante la sua apparente distanza dalla Chiesa e dalla religione, da sempre nei testi del grande cantautore modenese aleggiano temi relativi alla ricerca di senso, a domande sull'linfinito e sono spesso pregni di spiritualità. 

Ed è fatto noto che la sua bellissima e conosciuta  Dio è morto, venne censurata nel 1967 dai canali Rai dove non erano stati capaci di comprenderne il contenuto, in realtà molto chiaro nella strofa finale. Solo Radio Vaticana trasmise la canzone e Paolo Vi ne lodò il messaggio e le parole che parlano sì di un Dio che è morto «nei campi di sterminio... Coi miti della razza.... Con gli odi di partito» ma che se «muore è per tre giorni e poi risorge... In in ciò che noi crediamo... In ciò che noi vogliamo.... Nel mondo che faremo».

Insomma parole che spiegano perfettamente perché il cantautore ribelle e rivoluzionario è il più amato e cantato nel mondo cattolico. 

 

I vostri commenti
28

Stai visualizzando  dei 28 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo