Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 15 giugno 2024
 
 

Bologna: ZacRepublic, la rivista fatta al 100% da rifugiati

07/06/2016  È interamente scritta, impaginata e disegnata dai richiedenti asilo del centro di seconda accoglienza Zaccarelli di Bologna. 60 pagine con storie, illustrazioni ma anche poesie e ricette di cucina “per ricordare che i rifugiati sono persone e non numeri”.

«Quando si parla dei profughi in tv, sulla stampa, li si guarda sempre da fuori, con un approccio esterno. Vengono snocciolati numeri e percentuali, senza mai provare ad andare oltre», spiega Michele Cattani, operatore allo Zaccarelli, «ma noi, in tutti questi mesi, abbiamo ascoltato tante storie, vissuto tante emozioni, assistito a tante trasformazioni, conosciuto tanti volti. Non volevamo si perdesse questo enorme patrimonio, così abbiamo deciso di metterlo dentro a questo numero zero».

Così è nata ZacRepublic. Per il momento, grazie alla collaborazione con la Cooperativa L’Arca di Noè e l’associazione PrendiParte, ne sono state stampate 500 copie che saranno messe in vendita durante le iniziative del centro (ma sono disponibili anche on line). L’offerta è libera e il ricavato sarà utilizzato per realizzare il nuovo numero della rivista. I 54 ospiti della struttura, che ha appena festeggiato il suo primo anno di attività, si sentono molto motivati e sono già al lavoro insieme agli operatori e ai volontari che offrono il loro appoggio anche in questa iniziativa.

Ma la parte del leone la fanno proprio i profughi, quasi tutti giovanissimi. A cominciare da Diatta Lamine, senegalese, in Italia dall’aprile del 2015, che ha realizzato di suo pugno tutte le illustrazioni.

Ognuno ha messo a disposizione le proprie competenze. Se Diatta ha messo a frutto la sua abilità nel disegno, altri come Faem e Gondaal, abili cuochi, hanno preparato le ricette di cucina. Altri ancora hanno scritto le poesie. Ma soprattutto ci sono le storie e le testimonianze dei nuovi arrivati, i loro ricordi e le loro emozioni.

Il sottotitolo spiega anche il senso dell’iniziativa: “Le diversità sono la nostra casa”. A questo punto l’idea è quella di continuare, magari coinvolgendo anche gli ospiti di altri centri di accoglienza cittadini.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo