logo san paolo
venerdì 28 gennaio 2022
 
 

Cei: no a infinite campagne elettorali

21/05/2013  A precisarlo, rispondendo alle domande dei giornalisti durante la prima conferenza stampa dell’assemblea dei vescovi, è stato monsignor Mariano Crociata, segretario generale della Cei.

«Il prolungarsi di scaramucce e scontri polemici» nella situazione politica italiana rischiano di essere il segno di una «mai finita campagna elettorale o l’anticipo della prossima». Il segretario generale della Conferenza episcopale italiana, monsignor Mariano Crociata, confida le preoccupazioni della Cei  ai giornalisti, il giorno dopo la prolusione del cardinale Angelo Bagnasco, e avverte: “Se le cose dovessero prendere questa piega sarebbe preoccupante”. Poi ribadisce che “sulle formule e sulle modalità le forze politiche e le istituzioni sanno cosa fare e hanno gli strumenti per definirle”, ma “i problemi crescono e nessuno sembra farvi fronte”. Sulla politica Crociata cita le parole di Bergoglio: “Facciamo politica ma non siamo di parte”. Quindi torna sulla famiglia e sottolinea la necessità di difenderla come istituzione, perché essa “supplisce alle carenze di un welfare ormai ridotto al minimo”.

I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo