Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 14 luglio 2024
 
IL COLPO INEDITO
 

Cos'è la capriola inventata da Sinner che fa impazzire la Rete

20/06/2024  Casuale o studiato? Quel gesto tecnico mai visto nel tennis ha un precedente su altri campi, ecco quali

Se il tennis fosse ginnastica artistica, il gesto tecnico prenderebbe il nome di Sinner, perché così funziona da quelle parti: un gesto nuovo prende per tutti il nome del primo che lo realizza in gara e Sinner è stato il primo ad Halle contro Griekspoor, a realizzare un passante (vincente) di dritto in corsa e in tuffo, terminato in quello che il web chiama una capriola.

Una volta è un caso due no. Contro Marozsán oggi Jannik lo ha rifatto. L'impressione è che quel gesto, che è già un marchio di fabbrica subito virale, certo favorito dalla poco rischiosa superficie erbosa, somigli molto a qualcosa che conosciamo: su un campo di pallavolo lo chiameremmo "rullata" ed è il recupero che consente al difensore di tuffarsi a risollavare da terra un pallone, rotolando sulla schiena ottimizzando il tempo per facersi trovare pronto alla difesa successiva.

Che sia studiato, che sia un'invenzione, che sia puro istinto il "sinner" è roba da campioni anche solo per averlo osato, come accade solo a quelli che sanno vedere più in là delle colonne d'Ercole del mondo conosciuto. Non solo perché ci vuole coordinazione per farlo senza lasciare la racchetta e senza rischiare di farsi male, ma anche perché ci vuole fantasia. E qui il difficile è che non bisogna limitarsi a difendere ma mandare la pallina di là senza farsi infilare. Non per caso SkySport che lo ha diffuso, lo ha già ribattezzato il punto dell'anno, già prima che venisse ripetuto e quando l'anno nemmeno è a metà. (guardatelo qui sotto)

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo