Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 21 aprile 2024
 
Lettera
 

Don Luigi: «Troppo spesso ci manca la gioia di essere preti»

15/06/2018 

Lo sguardo acuto del Papa fa riflettere la Chiesa italiana. Delle parole di Francesco voglio approfondire due aspetti. Dietro la mancanza di vocazioni c’è la fatica delle comunità a esprimere la gioia. Chiusi in mille attività, ci si dimentica la bellezza della vita cristiana. Manchiamo in molti casi di gioia nell’essere preti e di gratitudine verso un servizio alla comunità che è dono di Dio. Nella convivialità della gioia e delle relazioni umane nascono più volentieri vocazioni di speciale chiamata. Comunità meno burocratiche, ma più disposte al calore umano e alle relazioni fraterne.

L’invito alla povertà evangelica e alla trasparenza ci chiede di ripensare lo stile della gratuità nei preti e nei laici. La logica del possesso, del non dare nulla per gli altri, non aiuta il cammino cristiano. Vivere nella logica del dono e del non possesso è frutto di un forte cammino spirituale. Specialmente quando si è chiamati ad amministrare i beni degli altri!

DON LUIGI TRAPELLI, Parroco di San Benedetto di Lugana (Vr)

Grazie, don Luigi, per questa riflessione. Aggiungo una considerazione: quelle del Papa non sono solo preoccupazioni pratiche, ma l’ennesimo invito a rimettere al centro della nostra vita Gesù Cristo e il suo Vangelo. Solo così riusciremo a parlare ancora ai giovani, testimoniando la gioia dell’essere cristiani, a essere più corretti nell’amministrazione dei beni e a superare ogni campanilismo favorendo, attraverso l’accorpamento delle diocesi, la condivisione di risorse e strutture. I suggerimenti del Papa vanno infatti tutti nella linea dell’uscire da sé, del dono. Che vale per ogni cristiano. Mettere Cristo al centro ci permette di vincere l’individualismo di cui è ammalata la società e di superare ogni tentazione di ripiegamento su noi stessi, per difendere interessi, privilegi, abitudini.

I vostri commenti
8

Stai visualizzando  dei 8 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo