Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 24 aprile 2024
 
 

Don Mazzi: "Sono pronto ad accogliere il mio amico Corona"

18/06/2015  Dopo tre anni e due mesi di detenzione, Fabrizio Corona esce dal carcere per essere affidato ai servizi sociali nella comunità Exodus di don Antonio Mazzi il quale, qualche mese fa, aveva manifestato su "Famiglia Cristiana", con le parole che ripubblichiamo qui, la propria disponibilità ad accoglierlo. A decidere per il sì all’«affidamento terapeutico» è stato il giudice di sorveglianza di Milano Giovanna Di Rosa, che ha accolto l’istanza presentata da Corona tramite i suoi legali, gli avvocati Ivan Chiesa e Antonella Calcaterra

Per Natale vorrei salutare e abbracciare tutti gli “abitanti” delle carceri italiane.Vado, spesso e malvolentieri, a trovarli. Malvolentieri perché il carcere, soprattutto per i minori, è deleterio. Urge trovarestrutture diverse dai carceri minorili, nelle quali i ragazzi possano trasformare i loro errori in percorsi rieducativi e ricostruttivi.

E scusate se ricordo, con particolare affetto, il mio amico Fabrizio Corona. L’ho rivisto pochi giorni fa. È uscita una sua lunga intervista su Repubblica che mi aveva anticipato nell’incontro. Per la prima volta, credo, ha chiesto umilmente di essere aiutato. «Ho bisogno di sperimentarmi in un ambiente, in un contesto comunitario e avviare un nuovo progetto di vita. Voglio scontarela mia pena, ma per vie alternative al carcere».

Vuole ritrovare sé stesso. Fabrizio ha un cuore d’oro e una testa… (aggiungete voi l’aggettivo che non posso aggiungere io). I suoi errori stupidi e assurdi, però, sono stati puniti e giudicati in modo particolarmente “feroce”. Mi scuso dell’aggettivo, ma lo ribadisco. Noi adulti, soprattuttose investiti di poteri sanzionatori, non possiamo lasciarci influenzare dal carattere di certi personaggi, interpretando le loro esuberanze quasi fossero omicidi o attività mafiose.

So che la madre di Corona vedrà papa Francesco in questi giorni e io sono pronto, da tempo, a riceverlo in una delle mie comunità Exodus. Miscuso se alcune mie dichiarazioni infastidiscono qualcuno. Ne sarei felice! Dichiaro, però, che cel’ho solo con il sistema carcerario medievale e indegno di un’Italia democratica, desiderosa di capire chi sbaglia e di correggere nei modi più pedagogici. La pena o è rispettosa e lungimirante, o diventa vendicativa e persecutoria.

Torno ad augurare ai carcerati un buon Natale. Lancio, con la maleducazione che mi è propria, un invito al presidente Napolitano perché trovi, inventi qualcosa. Ci saranno, tra le virgole dei codici, formule per sveltire i processi e svuotarele carceri, senza penalizzare i percorsi rieducativi. A Natale, allora, l’impossibile si è reso possibile. E adesso? Auguri a tutti.

la vicenda di Corona: dalla condanna alla scarcerazione

Dopo tre anni e due mesi di detenzione,Fabrizio Corona lascia il penitenziario di Opera per sottoporsi a un programma di recupero, con prescrizioni precise e severe disposte dal giudice,  nella comunità Exodus di don Antonio Mazzi. A decidere per il sì all’«affidamento terapeutico» è stato il giudice di sorveglianza di Milano Giovanna Di Rosa, che ha accolto l’istanza presentata da Corona tramite i suoi legali, gli avvocati Ivan Chiesa e Antonella Calcaterra. Non si sa quanto durerà l'affidamento in prova ai servizi sociali, e le mansioni che Corona svolgerà nella comunità Exodus.

Corona era stato condannato a una pena complessiva di 13 anni e due mesi di carcere per diversi reati tra cui quelli legati alla bancarotta della sua società Fenice e ai ricatti a colpi di foto compromettenti, come l’estorsione aggravata ai danni dell’ex calciatore della Juventus David Trezeguet che gli è costata la condanna a 5 anni la quale, teoricamente, impediva la concessione di benefici penitenziari. Il giudice Di Rosa, sulla base di motivi giuridici e decisioni della Cassazione, lo ha invece ritenuto possibile. A favore della scarcerazione di Corona ci sarebbero anche relazioni della Asl e della direzione del carcere. La decisione dovrà essere ora valutata da un collegio del Tribunale di Sorveglianza.

I suoi difensori avevano anche affrontato la strada della incompatibilità con il carcere per problemi psichiatrici, depositando una perizia secondo la quale Corona, se resta rinchiuso in cella, rischia di precipitare in una psicosi che fino ad ora solo i farmaci e un trattamento psicologico sono riusciti a contenere.

Tag:
I vostri commenti
10

Stai visualizzando  dei 10 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo