logo san paolo
domenica 11 aprile 2021
 
 

Ducati, e un pezzo d'Italia vola via

19/04/2012  Dopo tante voci, ecco l'ufficialità: la Ducati diventa "tedesca" e viene acquisita dall'Audi. L'operazione si aggira sugli 860 milioni di euro, debiti compresi.

La Ducati 1199 Panigale S accanto all'Audi R8 GT.
La Ducati 1199 Panigale S accanto all'Audi R8 GT.

Già la foto della nostra copertina, diffusa ufficialmente dall'Audi e dalla casa madre di Ingolstadt (si nota chiaramente dalla targa della R8 GT, dove IN GT sta per Ingolstadt, dunque sono  i vertici della casa tedesca impegnati in questo "take over" motociclistico), ci fanno capire, anche un po' amaramente, che un altro pezzo dell'industria motoristica del nostro Paese se n'è volato via.

Le storiche motociclette Ducati non sono più italiane. Da oggi ne ha il controllo l'Audi, per una cifra che si aggira sugli 860 milioni di euro (dal miliardo che si era ipotizzato), debiti compresi
. E ovviamente, non c'è dubbio alcuno, che d'ora in avanti "la" Ducati come azienda, e "le" Ducati gireranno come orologi, tutto funzionerà benissimo, qualità tedesca a livello "premium", affidabilità "Audi" e, purtroppo, c'è da aspettarsi che anche i prezzi (quando le moto cominceranno a essere create nel Centro Ricerche sotto la responsabilità degli ingegneri tedeschi) saranno prezzi "Audi".

Intanto, subito le ragioni industriali e di marketing per questa acquisizione della Ducati, che da "bolognese" diventa super teutonica: l'Audi cercava da tempo un ingresso di classe nel mondo delle moto per fare concorrenza alla Bmw anche nelle due ruote. Già con le automobili di fascia alta - soprattutto nella trazione integrale che, ricordiamo, è sempre stata un valore aggiunto per il marchio di Ingolstadt, esibito con successo negli anni Ottanta con i rally - l'Audi riesce benissimo a infastidire la Bmw. Ora saranno, immaginiamo, davvero guai per le moto di Monaco, che a fronte di prezzi non proprio popolari, dominano il mercato del granturismo di élite e soprattutto il settore delle "enduro": la Bmw, con la GS1200, è da anni tra le moto più vendute in Italia, e parliamo di veicoli sui 17-18.000 euro.

Ecco: sono queste Bmw, stradali e enduro, che l'Audi aveva nel mirino. E adesso, con l'acquisizione della Ducati, c'è da aspettarsi che andrà a dare battaglia proprio lì, con motociclette che saranno costruite benissimo, con tecnlogie avanzate, affidabili (e costose) come lo sono le auto della casa dei quattro anelli. E questo è soltanto l'ultimo pezzo di Italia che vola via, dopo gli storici marchi italiani Lamborghini e Italdesign (la matita del buon Giorgetto Giugiaro è ormai al soldo esclusivo del gruppo Volkswagen). Ducati è ora il terzo pilastro per "Audi AG" in Italia.

Valentino Rossi sulla Ducati da MotoGp (Ansa).
Valentino Rossi sulla Ducati da MotoGp (Ansa).

Insomma, un altro tassello della strategia di crescita dell’Audi che va al suo posto. Rupert Stadler, Presidente del Consiglio di Amministrazione, ha dichiarato: «La Ducati è conosciuta in tutto il mondo come il marchio "premium" fra i costruttori di moto, con una lunga tradizione di sportive. Dotata di enorme competenza in motori altamente performanti e nella costruzione leggera, è uno dei costruttori con la miglior redditività nel mondo delle moto». Soprattutto da quando Valentino Rossi corre per Borgo Panigale, aggiungiamo noi: con risultati sportivi deludenti, ma con i concessionari pieni di giovani che, grazie al "Dottore" in sella alla "Rossa a due ruote", scelgono Ducati anziché le classiche giapponesi.

A sinistra: il presidente del gruppo Volkswagen (di cui fa parte l'Audi) Ferdinand Piëch accanto a un modello Ducati durante l'incontro mondiale degli azionisti ad Amburgo. Piëch è uno dei nipoti di Ferdinand Porsche.
A sinistra: il presidente del gruppo Volkswagen (di cui fa parte l'Audi) Ferdinand Piëch accanto a un modello Ducati durante l'incontro mondiale degli azionisti ad Amburgo. Piëch è uno dei nipoti di Ferdinand Porsche.

Nel 2011, con 1.100 dipendenti,  la Ducati ha venduto 42.000 moto, ottenendo un fatturato di circa 480 milioni di euro. L’Azienda è stata fondata a Bologna da Adriano e Marcello Ducati, nel 1926. Nata come Società Scientifica Radiobrevetti Ducati, all’inizio costruiva componentistica per radio. Il passaggio alla produzione motociclistica avvenne nel 1949. Da molti è attivamente coinvolta nelle competizioni su pista con la Divisione Ducati Corse. Le attività sportive sono al momento focalizzate sul team ufficiale Ducati nel Campionato del Mondo Moto GP e nel Campionato Mondiale Superbike, supportando team privati di alto livello. In quest’ultima classe, Ducati ha vinto nelle 21 stagioni disputate, 17 titoli mondiali costruttori e per 14 volte si è aggiudicata il titolo riservato ai piloti.

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 0,00 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 57,80 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%
I LOVE ENGLISH JUNIOR
€ 69,00 € 49,90 - 28%
PAROLA E PREGHIERA
€ 33,60 € 33,50
VITA PASTORALE
€ 29,00
GAZZETTA D'ALBA
€ 62,40 € 53,90 - 14%