logo san paolo
mercoledì 19 gennaio 2022
 
 

F-35: il Canada rinuncia, l'Italia no

16/12/2012  Troppo cari e con performance non all'altezza delle previsioni. Con queste motivazioni Ottawa ha annunciato di non voler più acquistare 65 cacciabombardieri della Lockheed Martin.

Arriva dal Canada l'ultimo atto d'accusa contro i tanto discussi cacciabombardieri d'attacco F-35. Troppo costosi e non all'altezza delle promesse, è stato detto oltreoceano.  Nel 2006 Ottawa aveva deciso di dotare la propria aviazione militare di 65 cacciabombardieri prodotti dalla Lockheed Martin. Ma pochi giorni fa è tornato sui suoi passi. A larghissima maggioranza, infatti,  il Parlamento ha deciso di rinunciare all'affare. La spesa sarebbe stata eccessiva: il costo unitario iniziale di 65 milioni di dollari è lievitato fino a superare i 130 milioni per ciascun aereo. Non solo: ai deputati ha parlato anche Steve Lucas, già Chief dell'Air Staff dell'aviazione canadese, che ha espresso molti dubbi sulla reale utilità dei velivoli. A suo tempo le gerarchie militari – avrebbe rivelato Lucas – non dissero per intero la verità sugli F-35: questi aerei non garantiscono pienamente le caratteristiche che vantano.


La scelta del Canada dovrebbe far riflettere. Il Parlamento italiano ha appena dato il via libera alla legge delega di riforma dello strumento militare voluta dal ministro della difesa Giampaolo Di Paola. Il provvedimento, approvato in tempi record, ha fatto molto discutere, suscitando obiezioni non solo da parte del mondo pacifista ma anche di alcuni esponenti delle forze armate. Nonostante le dure critiche della società civile (centrale il ruolo dei cattolici), l'acquisto dei 90 F-35 previsto dal nostro Governo non è stato minimamente messo in discussione. Pochi ne hanno parlato, ma la rinuncia canadese potrebbe causare ulteriori aumenti di costo: «Quando uno dei partner del progetto si ritira, il prezzo lievita per gli altri» fa notare don Tonio Dell'Olio (Libera). E commenta con amara ironia: «Ma a quanto pare noi non abbiamo alcun problema. Che bello pensare che in Italia sappiamo tutta la verità e siamo più ricchi dei Canadesi».

I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo