Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 12 aprile 2024
 
il commento
 

Fedez-Ferragni, la favola social è finita

22/02/2024  Dagospia annuncia la fine della relazione. Se le cose stessero davvero così il tutto sarebbe ancora più triste. Meglio sperare che entrambi sappiano cogliere una lezione di vita, puntando sui loro effettivi talenti e concentrandosi sull’autentico bene che rappresentano i loro figli

Manca ancora la dichiarazione ufficiale congiunta o quelle incrociate e in contemporanea oramai da copione nelle coppie famose che scoppiano, ma sono bastate le indiscrezioni diffuse da Dagospia ad attivare la gran ribalta mediatica su Chiara Ferragni e Fedez che dopo 5 anni e 5 mesi di matrimonio e due figli, Leone, nato nel 2018, e Vittoria, nel 2021, si sarebbero separati e  lui avrebbe già lasciato la celebre casa coniugale milanese a Citylife, scenario di innumerevoli video postati dai due nell’ultimo quinquennio.

Interpellati i rispettivi uffici stampa si sono trincerati dietro uno scontato “No comment”, anche se corre insistente la voce che Chiara parlerà a Che tempo che fa, il programma di Fabio Fazio. Non si era ancora spento l’eco sullo scandalo che ha travolto la Ferragni con l’indagine per truffa aggravata legata a una sospetta finta beneficenza in favore di noti brand, dunque, che ricomincia il circo mediatico sul duo.

Un matrimonio che finisce non è mai qualcosa su cui sorridere o fare del sarcasmo, tanto più che sono coinvolti due bambini, purtroppo consegnati dai loro stessi genitori, lui con quasi 15 milioni di followers, lei quasi 30 (anche se c’è chi ha insinuato che i dati fossero stati “gonfiati”), alla vorace curiosità generale fin dal primo vagito, a colpi di video e post sui social. Inoltre resta il fatto che forse tra i media dovrebbe scattare l’ora di un sano silenzio sulle vicende dei Ferragnez, perché dopo tutto parlandone e straparlandone si alimenta la loro ragione di esistere e lucrare nello star-system. Detto questo e considerando che in questo momento spegnere i riflettori su questa coppia al momento sembra un’utopia, c’è da considerare che proprio il meccanismo creato dalla Ferragni e Fedez stessi che hanno documentato e offerto tutta la loro privacy “minuto per minuto”, dal cambio dei pannolini dei piccoli all’albero di Natale ornato in casa da tutti e 4, alle festicciole o alle gite di famiglia, rischia di travolgere la serenità di Leone e Vittoria e senza che nessun appello al rispetto della loro serenità possa avere una seria possibilità di essere osservato.

Secondo il sito di Roberto d’Agostino autore dello scoop, la love-story era finita da un bel pezzo, ma la crisi sarebbe stata tacitata per non creare altre grane nel periodo in cui già Chiara doveva far fronte a quelle giudiziarie. Ma proprio quest’ultime avrebbero aggravato il solco tra i due, poiché lui avrebbe rinfacciato a lei che il danno d’immagine avrebbe compromesso anche i suoi affari personali. Un cliché che, parafrasando il noto spot di un aperitivo con George Clooney come protagonista, si potrebbe sintetizzare più o meno così: “no business, no love”.

Se le cose stessero davvero così il tutto sarebbe ancora più triste. Meglio sperare che entrambi sappiano cogliere dalla doppia odissea ravvicinata (la seconda sull’addio è appena agli inizi) una lezione di vita, puntando sui loro effettivi talenti e non sulla logica dell’apparire che sembra accorciare la strada del successo, ma poi rende altrettanto veloce e doloroso il tramonto, ma anche nel concentrarsi sull’autentico bene che rappresentano i figli, un bene da proteggere anche dai riflettori, che poi, nelle prove dure, non si fermano a comando.

 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo