logo san paolo
martedì 29 settembre 2020
 
dossier
 

Il tempo scandisce le ore che graffiano pensieri

18/04/2020  Sono quattro poesie che raccontano il particolare momento che viviamo. Il tempo scandisce le ore che graffiano pensieri. Nascono così le poesie cogliendo della realtà l'ora. Aderisco alla vostra iniziativa con plauso. Veicolare emozioni. Un abbraccio virtuale per ogni cosa che fate. Francesco di Ruggiero

Ammenda  

È notte, il silenzio fascia ogni cosa,

solo i pensieri spaziano in ricerca.

La realtà che mi circonda, mi inchioda.

Sono solo a raccontare della mia vita

la tracotanza, l’arroganza

e anche la mia stupida presunzione.

La ragione l’ho sempre confinata,

prevaleva sempre e solo l’istinto.

Ricordo, tempo fa, quando al Pronto Soccorso

l’attesa l’ho trasformata in sfida,

non paziente, ma rabbiosa.

I medici e gli infermieri a cercare di spiegare,

dalla mia bocca come risposta

offese sempre più deliranti

fino a dare di matto, spaccando ogni cosa.

Ora sono in ospedale,

perché risultato positivo al coronavirus,

ricoverato in terapia intensiva.

Il mio mondo è diventato piccolo,

ho accusato il colpo, respiro impotenza.

Ora vedo la fatica di coloro che mi stanno curando,

la loro premura, forza e valore,

l’attenzione e la professionalità.

Nei loro occhi coperti da speciali occhiali

leggo fiducia, abnegazione, speranza.

Una lacrima mi riga il volto,

torno indietro con il pensiero e mi faccio schifo

per la mia precedente arroganza,

prigioniero della mia sufficienza.

Li inseguo con gli occhi come riconoscenza.

Vorrei chiedere loro scusa, ma sono intubato

il mio respiro è corto.

 

Non sono eroi ora, come vengono osannati,

lo sono sempre stati.

Eravamo noi miopi a confondere la prospettiva

a non dare valore ai loro consigli,

a pretendere ragioni urlando.

Adesso sono qui a masticare sofferenza,

ma il loro sorriso, colto fra fatica e tempo

stempera ogni cosa.

Percepisco il loro sacrificio e la loro dedizione

tralasciando la cura dei loro affetti.

Per loro non ci sono orari,

le ore non sono otto e nemmeno dieci, ma più di dodici

e la stanchezza è sempre rimandata,

perché per loro salvare una vita

è salvare una parte dell’umanità.

Non sono eroi, lo sono sempre stati.

Domani l’incontro sarà solo gratitudine.

Il respiro è sempre corto,

ma confido in loro sperando.

Era ieri...

Eccomi Signore,

sono nella tua casa dove accogli e ti lasci accogliere,

 il silenzio che avverto è abitato.

Siamo soli, io più di Te,

Tu prigioniero del tuo amore, io del mio timore.

Le mani intrecciate, il cuore in ansia,

i pensieri guizzano in ricerca.

Ora sono un uomo allo specchio.

Era ieri, vestito di autosufficienza

oggi, nudo e vulnerabile,

ieri saccente e supponente

oggi ridimensionato e con la paura che mi segna.

Ieri la fretta come imperativo, oggi il passo lento.

Che cosa è successo?

Vedo nei volti coperti di mascherina

paure forse ingiustificate.

Vedo occhi che mi frugano dentro

l’indifferenza di ieri

oggi più di un setaccio a scrutarmi.

Siamo ancora soli,

il Tuo amore mi contagia più del virus.

Una luce fa spazio alla penombra

come lama mi accarezza.

Comprendo e mi lascio investire.

Torno a cercarti per capire

e il tuo silenzio si fa voce:

“Sono sempre con voi anche quando alterate

l’ordine, che ho dato ad ogni cosa.

L’argine alla mia Onnipotenza si chiama libertà

che usate secondo i vostri progetti

il risultato nei secoli testimonia sofferenza e disperazione".

La luce mi abbandona,

ma il mio cuore diventa rifugio

dove custodire ogni cosa.

Fuori mi aspettano, aspettano Te.

Getsemani

  

Ogni volta, da sempre nel cuore di ognuno,

asilo di gioia e di dolore, cerchi dimora.

Nella storia che ci divora da una libertà donata,

anche Tu, infelice, soffri i nostri abbandoni,

le nostre solitudini e le nostre agonie.

Nell’uomo che cerca vita,

qui e ora, scavato dal pianto,

 anche Tu versi lacrime.

Nella voce spezzata da questa amara realtà

sei Tu che ascolti del dolore l’urlo.

Il mondo, terra meravigliosa da Te creata,

ogni giorno ingoia uomini in cerca di un domani.

Il lamento sale dal coro di morte.

Deponi amore, raccogli sofferenza.

Ieri nel cuore dell’uomo altre leggi albergavano

l’eco della Tua presenza giungeva soffocata.

Ora le mani sono intrecciate,

stiamo perdendo i nostri cari

le lacrime solcano i visi,

nel cuore un vuoto lo riempie.

Con gli occhi, finestre sul mondo,

 raccolgo disperazione,

ma la speranza non cede all’angoscia.

Vicino, di silenzio avvolto,

il dramma di questa realtà vivi, soffrendo.

Signore, ricordati il prezzo che hai pagato,

il riscatto ci ha fatto figli.

Anche in noi la paura diventa angoscia

il nostro Getsemani è qui…

Non ci abbandonare…

E come Te ci affidiamo…

Grazie mamma

“Ho sete, ho sete d’aria, le sue ultime parole

prima che l’ambulanza la portasse via.

L’eco della sirena segnava il distacco.

Ora i suoi polmoni sono pieni di luce,

respira eternità.

Avremmo voluto abbracciarla,

 stringerle la mano,

accarezzarle i capelli come scambio di sentimenti,

avremmo voluto leggere nei suoi occhi

l’amore che viveva,

avremmo voluto raccogliere quel sorriso,

che ci precedeva ad ogni incontro,

ma un virus che sta flagellando

questo vulnerabile mondo

ci ha resi orfani di presenza.

In questi giorni dolorosi,

dove la paura del contagio ci dilania,

solo il cuore supera ogni barriera

anelando a un afflato di speranza.

Ora Ida vede di ognuno le trame tessute,

quella scintilla d’amore che ci attraversa,

che arde e non si consuma,

vede a ritroso la sua vita spesa

più a dare che a ricevere,

la sua semina che ora aspetta frutti

e il legame aumenta.

La luce che la investe diventa beatitudine,

cancella ogni graffio del tempo.

Una luce investe anche noi

in questa realtà difficile da capire e da vivere

la sua presenza sarà faro per orientarci

e se anche il cuore frana al dolore

la sua fede e il suo esempio di vita

medicano ogni tribolazione.

Grazie mamma

 

In memoria di Ida

Multimedia
“A Gaelic Blessing”, un brano di luce
Correlati
“A Gaelic Blessing”, un brano di luce
Correlati
La Sacra Spina cambia colore
Correlati
I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 0,00 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 0,00 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%