Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 15 aprile 2024
 
giovedì santo
 

Lacrime e commozione tra le detenute di Rebibbia

28/03/2024  Papa Francesco, per la prima volta, lava i piedi a dodici donne. Alla messa in Coena Domini nell'istituto penitenziario romano hanno partecipato circa duecento persone

Per la prima volta la lavanda dei piedi a sole donne. La prima volta di un Papa alla casa circondariale di Rebibbia femminile. Papa Francesco, nell'istituto romano di reclusione, pur sulla sedia a rotelle, vuole lavare e baciare i piedi di 12 detenute. Con amore, come «Gesù ci ha insegnato». A braccio aveva pronunciato l’omelia per ricordare che «Gesù, con il gesto della lavanda dei piedi si umilia e con questo gesto ci dice quello che lui aveva detto: “Io non sono venutoper essere servito, ma per servire”. Ci insegna il cammino del servizio». E poi sottolinea l’altro episodio, «triste», quello del tradimento di Giuda «che non è capace di portare avanti l'amore», e poi «i soldi, l’egoismo, lo portano a questa cosa brutta», anche se «Gesù perdona tutto, perdona sempre. Solo chiede che noi chiediamo il perdono». E per questo, dice nel penitenziario romano, «Gesù perdona sempre solo noi ci stanchiamo di chiedere perdono Per questo oggi chiediamo al Signore la grazia di non stancarci. Sempre tutti noi abbiamo piccoli fallimenti, grandi fallimenti, ognuno ha la propria storia, ma il Signore ci aspetta sempre con le braccia aperte e non si stanca mai di perdonare». Prima di lavare i piedi alle ragazze ricorda che è «lo stesso che ha fatto Gesù. Lavare i piedi è un gesto che ci attira l'attenzione sulla vocazione del servizio e chiediamo al Signore che ci faccia crescere tutti noi nella vocazione del servizio». Piangono le detenute mentre il Papa versa l’acqua, asciuga, bacia, sorride a ciascuna di loro. Ad assistere alla messa, celebrata da don Andrea Carosella, circa 200 persone tra detenute, operatori penitenziari, agenti di custodia, volontari. Al termine un grande ringraziamento a nome delle "360 detenute e un bambino" che si sono sentite incoraggiate dall'affetto del Papa e della Chiesa.

Multimedia
Giovedì Santo, il Papa a Rebibbia lava i piedi a dodici detenute
Correlati
Diretta streaming, il Papa celebra la Messa nella "Cena del Signore" nel carcere femminile di Rebibbia
Correlati
Giovedì Santo, il Papa a Rebibbia lava i piedi a dodici detenute
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo