Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 19 aprile 2024
 
 

Lotta a Ebola, l'impegno della Caritas

22/09/2014  Cure e prevenzione: la rete delle Caritas ha finora aiutato oltre 500 mila persone. In campo 200 animatori. "Serve un approccio regionale e multisettoriale".

E' un'epidemia senza precedenti. E al momento sembra proprio fuori controllo, senza vaccini né cure specifiche, il che la rende potenzialmente una minaccia globale. Ebola sferza molte aree dell'Africa (Nigeria, Senegal e Repubblica Democratica del Congo), ma in modo particolare alcuni tra i Paesi più poveri del mondo: Guinea Conakry, Sierra Leone e Liberia. Sono necessarie misure straordinarie e interventi multisettoriali, per assistere le popolazioni colpite e prevenire l'espandersi dell'epidemia in altre regioni e Paesi. Intanto crollano le economie locali e si pone un grave problema sicurezza alimentare e malnutrizione, visto che anche i raccolti sono a rischio per mancanza di manodopera nei campi.

Di fronte a questa crisi, le chiese africane a cui fanno capo molte strutture sanitarie dei Paesi colpiti, sono impegnate fortemente e in modo incessante, spesso con mezzi decisamente inadeguati rispetto ai bisogni. È mobilitata anche la rete delle Caritas nelle zone più colpite con attività di sensibilizzazione nelle famiglie, nei luoghi comuni maggiormente frequentati, attraverso le radio, le televisioni e i telefoni. Leader religiosi e più di 200 animatori sono sul terreno nel tentativo di accrescere la consapevolezza di una popolazione con elevato tasso di analfabetismo, per distribuire cloro, sapone e cibo. Più di 500.000 sono i beneficiari raggiunti finora, ma gli sforzi si stanno moltiplicando. Caritas Italiana, accanto alle Chiese locali nelle attività di prevenzione e prima assistenza nei Paesi più colpiti sin dallo scoppio dell’emergenza nel mese di febbraio, continua e rafforza il suo impegno nel promuovere una risposta all'emergenza che sia all’altezza della complessità della crisi.

Per sostenere gli interventi in corso, si possono inviare offerte a:
Caritas Italiana, via Aurelia 796 00165 Roma
Tramite c/c postale  numero 347013, specificando nella causale: “Africa/Epidemia ebola”

Oppure tramite queste modalità online.
Le offerte sono possibili anche tramite altri canali, tra cui:
• UniCredit, via Taranto 49, Roma – Iban: IT 88 U 02008 05206 000011063119
• Banca Prossima, piazza della Libertà 13, Roma – Iban: IT 06 A 03359 01600 100000012474
• Banco Posta, viale Europa 175, Roma – Iban: IT91 P076 0103 2000 0000 0347 013
• Banca Popolare Etica, via Parigi 17, Roma – Iban: IT 29 U 05018 03200 000000011113

Multimedia
Ebola: le proteste animaliste per l'uccisone di Excalibur
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo