Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 28 maggio 2024
 
l'iniziativa
 

Perugia Assisi, in marcia con il cuore rivolto alla Romagna

21/05/2023  In diecimila per fermare le guerre. Ma anche per impegnarsi a contrastare il cambiamento climatico. All'iniziativa hanno partecipato studenti, giovani, adulti e bambini. A loro, il presidente dell'ANPI ha consegnato simbolicamente una bandiera della pace

Una marcia che è anche per fermare l’escalation della guerra in Ucraina, anche se la prospettiva non è soltanto quella. La Perugia Assisi, arrivata alla sua 27esima edizione, ha voluto far percorrere a diecimila persone (secondo gli organizzatori) i 25 chilometri che separano le due province umbre per chiedere di cambiare i giorni a venire. “Trasformiamo il futuro”, era lo slogan che ha unito studenti e studentesse di 119 scuole italiane, i giovani di 71 atenei universitari e tantissime associazioni, molti gruppi, organismi, persone singole. Arrivati alla Rocca Maggiore di Assisi alle 14,30, dopo essere partiti alle nove da Assisi, i partecipanti sono stati accolti dal vescovo monsignor Domenico Sorrentino, che ha rivolto loro le parole del Papa per incoraggiarli a continuare a impegnarsi per un domani diverso.  Durante la manifestazione è stata ricordata la tragedia dell’alluvione. Alla partenza, invece, i ragazzi erano stati salutati da monsignor Ivan Maffeis, vescovo di Perugia: «C'è urgente bisogno», aveva detto, «di affermare una comunicazione non ostile, ci vogliono comunicatori disposti a dialogare per bloccare la psicosi bellica. La via delle armi non assicura stabilità e indebolisce la pace».

Al termine della manifestazione Gianfranco Pagliarulo, dell’Anpi, ha consegnato ai bambini e alle bambine la bandiera della pace come segno dell’alleanza tra le generazioni. Infine è stato firmato il Patto di Assisi con 20 rettori universitari: si tratta di un patto educativo per impegnare gli atenei nella formazione alla pace delle nuove generazioni.

Multimedia
PerugiAssisi, le più belle immagini della marcia
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo