Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 30 maggio 2024
 
naufragio
 

Naufragio migranti, le Agostiniane di Rossano (Calabria): la Croce di Cristo, zattera cui aggrapparci

27/02/2023  La riflessione delle monache dopo la tragedia al largo di Crotone costata la vita a decine di migranti, adulti e bambini, iraniani, pakistani e afghani partiti giorni fa dalla Turchia.

Testo e foto (sopra e in alto) tratti dal sito delle Monache Agostiniane di Rossano  (https://www.osarossano.it/2023/02/le-parole-del-lunedi-zattera/). Per gentile concessione. In copertina: foto Ansa.
Testo e foto (sopra e in alto) tratti dal sito delle Monache Agostiniane di Rossano (https://www.osarossano.it/2023/02/le-parole-del-lunedi-zattera/). Per gentile concessione. In copertina: foto Ansa.

Una disperata speranza a maturare la risoluzione. Quel partire, le cose più care lasciate alle spalle, solo l’essenziale, i bimbi stretti a sé. Inghiottire la paura silenziosamente e poi continuare a scrutare l’orizzonte mentre il mare tutto attorno si fa sempre più gonfio.

È il mare che noi monache abbiamo davanti, a riempire l’orizzonte del suo colore cangiante a seconda delle stagioni e della luce. I giorni scorsi, lo Ionio era una ininterrotta striscia grigia, limacciosa, che aveva perso il blu sereno delle giornate di sole.

Ci vorrebbe almeno una zattera a cui aggrapparsi, mentre tutto si sfascia, va in frantumi.

Una zattera per non affondare, per non annegare.

Siamo un po’ tutti in viaggio su deboli barchette: le nostre preoccupazioni, i nostri progetti, sempre così limitati, precari, fragili. E poi quell’attaccamento a noi stessi che lascia a distanza gli altri coi loro drammatici vissuti.

Una zattera per non affondare, per non annegare, quando anche le nostre sicurezze rivelano tutta la loro inconsistenza.

«Nessuno può attraversare il mare di questo secolo se non è portato dalla Croce di Cristo» (S. Agostino).

Ben più che zattera: vera e propria imbarcazione di salvezza, la Croce di Cristo.

Rimane la preghiera, a traghettare questi nostri fratelli sulle rive sicure del cuore misericordioso dell’Eterno.

Multimedia
Le drammatiche immagini del naufragio dei migranti a Crotone
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo