logo san paolo
martedì 30 novembre 2021
 
 

Sinistra, la guerra continua

07/10/2012  Dopo la tregua con Renzi firmata dal segretario Bersani ora attacca Vendola, che vorrebbe rottamare il rottamatore.

Le sagome di Matteo Renzi e Pierluigi Bersani a un congresso del Pd.
Le sagome di Matteo Renzi e Pierluigi Bersani a un congresso del Pd.

Non è durata nemmeno 24 ore la pace dentro la sinistra. E al centro di tutto c’è sempre il “fattore Renzi”, il trentasettenne sindaco di Firenze che gira per l’Italia in camper per promuovere la sua candidatura a premier. Dopo la saggia tregua firmata ieri dal segretario del Pd Pierluigi Bersani sulle regole delle primarie (“un capolavoro della democrazia”, ha commentato Bersani), ecco scendere in campo il leader di Sinistra ecologia e libertà Nichi Vendola: “In Renzi c'é una marcata adesione a modelli culturali che io penso debbano essere rottamati”, ha detto il governatore della Puglia in un’intervista. Secondo Vendola bisogna “rottamare la subalternità culturale di certa sinistra al modello liberista che sta scorticando l'Europa”.


Gli attacchi al sindaco di Firenze non avvengono solo fuori dal Pd. Contro il fiorentino Renzi anche la senese Rosi Bindi: “Inviterei Renzi a fidarsi non solo di Bersani ma di tutto il partito. La sua assenza da molti è stata giustamente notata come atteggiamento di poca attenzione per chi ha lavorato anche e soprattutto per lui. Era stato invitato, avrebbe potuto riservare questa attenzione nei confronti del massimo organo di rappresentanza del partito”.

La verità è che Renzi continua a innervosire il Pd. I sondaggi lo danno in costante aumento. Berlusconi lo utilizza come arma a doppio taglio e dichiara che le sue idee e quelle del giovane candidato sono le stesse. “Ma è ovvio che il bacio di Berlusconi a Renzi è come un bacio della morte”, commenta l’ex manager del Biscione Giorgio Gori, divenuto uno degli spin doctors più ascoltati del sindaco di Firenze. 

I vostri commenti
3

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo