Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 20 maggio 2024
 
servizio Storie di riscatto
 
Credere

Pizzaut: il miracolo dell'inclusione

21/03/2024  Nico Acampora è il fondatore del primo ristorante in Italia gestito da giovani autistici: «Questi ragazzi non sono un peso per la società, ma una risorsa. Il lavoro può fare miracoli»

«Ho lavorato diversi anni con disabili gravi e ciò che mi mandava fuori di testa era che l’unico obiettivo che ci si proponeva fosse quello di mantenere le loro capacità residue. Io invece volevo cambiare tutto, volevo cambiare in meglio il mondo. La scintilla poi è scoccata guardando la serenità con cui mio figlio Leo, affetto da autismo, impastava la pasta di pane». Sul numero di Credere in edicola da giovedì 21 marzo e in parrocchia domenica 24 Nico Acampora racconta come gli è venuta l’idea di fondare PizzAut, il primo ristorante in Italia gestito da giovani autistici.


In breve tempo il suo progetto, apprezzato anche dal Papa e da Mattarella, si è rivelato vincente. Tanto che al primo ristorante a Cassina de' Pecchi, alle porte di Milano, ne è seguito un altro a Monza e ora il prossimo obiettivo sono i pizza-autobus ovvero «truck food finanziati da dare in gestione a varie associazioni, una per provincia, cominciando da Milano».
Acampora – che di sé dice «sono una persona semplice, in cammino» ­– è un vulcano di idee sospinto da una convinzione: «Questi ragazzi non sono un peso per la società, ma una risorsa. Il lavoro può fare miracoli».

 

A Nico Acampora Credere dedica la copertina del numero 12, da giovedì 21 marzo in edicola e domenica 24 in parrocchia. L’intervista è disponibile anche on line su edicolasanpaolo.it.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo