Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 17 aprile 2024
 
L'artista e la fede
 
Credere

Pif: "Vi svelo il mio comandamento preferito"

28/03/2024  «Ho iniziato a sentire il Signore più presente quando ho smesso di essere cattolico per tradizione», ci racconta Pif, il regista conduttore e scrittore noto per il suo impegno civile contro la mafia e le ingiustizie. Il paradiso? «Me lo immagino come un abbraccio»

Di Agnese Pellegrini

 

«Dio? Lo incontro nel dubbio. Faccio fatica a credere, ma da quando ho smesso di dare la fede come qualcosa di scontato e mi sono messo in discussione, Dio lo sento più presente». Il regista, conduttore, scrittore e sceneggiatore Pif – Pierfrancesco Diliberto – è il protagonista della copertina del numero di Credere ora in edicola e ha accettato di parlare della sua fede. «Non mi definisco cattolico», dice. «Tuttavia, amo molto il comandamento “Ama il prossimo tuo, come te stesso”. Cristo è nelle persone fragili, negli ultimi, nei profughi, e fa bene papa Francesco a ricordarci che dobbiamo sporcarci le mani. Altrimenti, andremo dietro a una fede rassicurante, che però non è autentica». Pif racconta di provenire da una famiglia cattolica, di aver studiato da preti e suore e di riconoscersi negli insegnamenti del Vangelo.

Tuttavia, spiega, «piano piano, mi sono reso conto che la mia era una risposta – “sono cattolico” - era di abitudine. Allora è accaduta una cosa strana: paradossalmente, mi sento più vicino Dio di quando mi reputavo credente. Senza voler assolutamente giudicare, penso che sia questo l’errore di molti: professarsi cattolici per abitudine o per tradizione. L’esempio concreto è che tantissime volte ci si sposa in chiesa senza crederci». «Secondo me», aggiunge, «il vero credente è colui che nella sua preghiera sa dire, come Gesù sulla croce: “Sia fatta la tua volontà”. Che, cioè, sa affidarsi e sa accettare quello che accade, perché tutto rientra in un disegno divino». Quindi per il regista e scrittore la fede è «una ricerca. Un dono. Ma anche la capacità di accettare.

 

L’intervista con Pif si trova sul numero 13/2024 di Credere nelle edicole e nelle librerie cattoliche dal 28 marzo e nelle parrocchie dal 30. Credere è disponibile anche su edicolasanpaolo.it

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo