logo san paolo
martedì 16 agosto 2022
 
Automobili del futuro
 

Se Bmw e Mercedes hanno paura della Apple Car

21/04/2016  Le due case tedesche si sarebbero sfilate da una trattativa comune per aiutare a progettare la "iCar" di Cupertino. Perché? Forse per il timore di essere messe in ombra, nonostante la loro storia leggendaria, da un marchio che se imparasse a fare anche le auto diventerebbe più forte di loro?

L'indiscrezione arriva dal giornale tedesco Handelsblatt che ovviamente gioca in casa: la Bmw e la Mercedes si sarebbero sfilate dal progetto della Apple Car, quello con cui l'amministratore delegato di Cupertino, Tim Cook, intende entrare nel mondo dell'automobile con un veicolo a quattro ruote, elettrico, a guida semi autonoma, ispirato, e soprattutto integrato, con i vari iPhone, iPad, iMac, eccetera. Secondo il giornale tedesco, i colloqui segreti tra BMW, Mercedes e Apple sono stati cancellati. Insomma, nessuno dei due costruttori "premium", vanto dell'industria in Germania intenderebbe più cooperare con l'azienda fondata da Steve Jobs in California. E così la Apple Car - a meno che non trovi validi sostituti tali da rimpiazzare il know how e la forza dei brand Bmw e Mercedes (al momento sembrerebbe di no, si parla del gruppo austro-canadese Magna) - potrebbe subire una battuta d'arresto. 

L'idea della Apple, che tuttavia non ha mai davvero ufficializzato il progetto, in fondo è semplice: prendo il meglio che c'è in campo automobilistico e lo tiro dentro questa avventura. Tim Cook è al timone di un'azienda con record di vendite, liquidità praticamente infinita, fortissima sui mercati dei dispositivi digitali, una percezione di brand unica al mondo. Quello che gli manca è proprio quello che Bmw e Mercedes hanno: esclusività, sportività, eleganza, know how costruttivo, percezione di alta qualità di assemblaggio e nell'uso dei materiali, storia, leggenda, stabilimenti all'avanguardia, motori potenti, maestria nell'uso dell'elettronica sulle quattro ruote. Con in più: per Bmw un'industralizzazione avanzata nel campo dei veicoli elettrici, e per Mercedes il dominio nella massima competizione automobilistica che è la Formula 1 ormai da molti anni.  

Dunque, quali partner migliori per un'azienda come la Apple che nel digitale è al top da 30 anni, ma in campo automobilistico si può dire sia all'età della pietra? Le motivazioni ufficiali dell'abbandono da parte delle due case tedesche parlano sembrerebbero essere due: primo, la titolarità del progetto, cioè chi deve comandare davvero nello sviluppo di quella che potremmo chiamare la futura "iCar" per rimanere nel solco della terminologia introdotta da iMac, poi i Pod, iPhone, iPad e ora iWatch; secondo, la gestione della enorme mole di dati dei clienti che acquisterebbero l'auto "targata Cupertino". Perché è ovvio attendersi che tutti i dati relativi ai clienti, secondo, le nuove frontiere Apple, finirebbero nell'iCloud, come accade per computer, smartphone e tablet. Mentre, è altrettanto logico attendersi che Bmw e Mercedes non mollerebbero l'osso, chiedendo di gestire industrialmente e commercialmente i clienti come hanno sempre fatto.

Ma, ci domandiamo, è davvero questa la ragione per cui i due principali miti automobilistici tedeschi del segmento "premium" (l'altro è l'Audi, e ancora più in alto la Porsche) si sono sfilati dal progetto? Come diceva Andreotti, a volte a pensare male si indovina: non è che la "grande fuga" dalla Apple Car di Bmw e Mercedes è per evitare di rimanere "schiacciati", oscurati, ridimensionati dalla forza del brand Apple una volta che questa iCar elettrica, quasi self-driving, fosse su strada? Immaginiamola in un Apple Store di nuova concezione, esposta insieme con gli iPhone 7-8-9 che verranno, con le più avanzate generazioni di iPad o iMac. Immaginiamola in vendita: che cosa vedrebbero i clienti? Vedrebbero un marchio solo, fortissimo: Apple Car. Quindi, nonostante le due case costruttrici tedesche finirebbero per apportare conoscenza, sapienza costruttiva, affidabilità motoristica e capacità elettronica di controllare tutte le variabili della sicurezza attiva e passiva,  che cosa resterebbe di Bmw e Mercedes agli occhi dei fan di Cupertino? Forse nulla. Pensiamo sia proprio questa la ragione: la paura. Il timore di venire annullati da un marchio che non ha la loro storia ma che in futuro sarà forse molto più "performante"di loro. Allora, meglio scappare per non venire"risucchiati". 

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo