Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 19 aprile 2024
 
SINODO SULLA FAMIGLIA
 

Divorziati risposati: la Comunione «non è il sacramento dei perfetti»

07/10/2014  Lo hanno detto i padri sinodali durante la terza congregazione generale che si è svolta stamattina, con 32 intervenuti. Alle coppie in difficoltà, rende noto una sintesi diffusa dalla Sala stampa vaticana, «la Chiesa deve presentare non un giudizio, ma una verità, con uno sguardo di comprensione».

L’Eucaristia «non è il sacramento dei perfetti, ma di coloro che sono in cammino». Lo hanno detto i padri sinodali, secondo quanto riporta una sintesi diffusa dalla Sala stampa vaticana. Stamane s'è svolta la terza Congregazione generale; 32 gli interventi  effettuati. La Chiesa, in materia di famiglia, «deve offrire il suo insegnamento in maniera più incisiva, presentando la dottrina non come un elenco di divieti, ma facendosi vicina ai fedeli, così come faceva Gesù», è stato detto oggi in Aula: «I cattolici vanno sì protetti, ma anche preparati meglio». In questo modo, «agendo con empatia e tenerezza, sarà possibile ridurre il divario tra la dottrina e la prassi, tra gli insegnamenti della Chiesa e la vita quotidiana delle famiglie».

«Perché ciò che occorre - è l’orientamento condiviso dai padri - non è una scelta tra la dottrina e la misericordia, ma l’avvio di una pastorale illuminata, per incoraggiare soprattutto le famiglie in difficoltà, che spesso avvertono un senso di non appartenenza alla Chiesa». E proprio sulle coppie in difficoltà, i divorziati risposati, è tornato a riflettere il dibattito odierno: a loro, si è detto, «la Chiesa deve presentare non un giudizio, ma una verità, con uno sguardo di comprensione, perché la gente segue la verità e segue la Chiesa se essa dice la verità». «La medicina della misericordia dona accoglienza, cura e sostegno», hanno assicurato in aula: «Anche perché le famiglie sofferenti non cercano soluzioni pastorali rapide, non vogliono essere una mera cifra statistica, ma sentono il bisogno di essere ispirate, di sentirsi accolte e amate. Deve essere lasciato più spazio alla logica sacramentale, piuttosto che a quella giuridica».

Stamane è intervenuta anche una coppia di filippini. Si tratta dei coniugi George e Cynthia Campos, 47 e 46 anni, quattro figli, presenti al Sinodo come uditori. Questo pomeriggio si svolge la quarta Congregazione generale, sul tema: “La pastorale della famiglia: le varie proposte in atto.

Multimedia
Il Sinodo visto da vicino, volti e scorci inediti
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo