logo san paolo
mercoledì 27 ottobre 2021
 
 

Tra egoismi, interessi e commando

20/05/2011  Michael Tsur è uno dei maggiori esperti di mediazione. Che insegna nelle migliori università, a Gerusalemme come a New York. E che applica spesso, in uno speciale team israeliano.

Si fa presto a dire: mediare. Si prenda ad esempio Michael Tsur, nato a Gerusalemme, cittadino del mondo. Lui può spiegarlo con la preparazione propria del bravo docente universitario, cosa che fa normalmente,  o può darne pratica dimostrazione nelle concitate fasi di un sequestro, con donne e bambini minacciati di morte, cosa che accade più di rado, a Dio piacendo, ma che è pronto a fare in ogni momento del giorno o della notte. Dipende se squillano il cercapersone e il telefonino che porta sempre con sé.


  Dal punto di vista teorico, le cose stanno così, dice Tsur. La gente ha sempre meno fiducia nel prossimo, pratica il sospetto, è sempre più propensa a imporre il suo punto di vista, afferma il docente israeliano. E ciò è anche frutto di un paradosso: oggi, infatti, grazie al web, le notizie circolano veloci, corrono da Washington a Dacca o da Buenos Aires a Pechino o, ancora, dal gelido villaggio dell'Islanda al torrido slum di Nairobi, giusto per limitarci a qualche caso emblematico. Uno, per quanto sia più giovane o abbia meno titoli accademici di chi gli sta di fronte, può verificare quello che gli viene detto, può chiedere spiegazioni citando quel precedente o quell'altro, può anche contraddire il suo interlocutore (non importa se questo è il professore o il fornitore o il capoufficio o il medico o il deputato del collegio),  può incalzarlo sino a irritarlo. Magari a ragione. Magari a torto.  «In ogni caso, oggi», scandisce bene Tsur, «uomini e donne vivono spesso sulla difensiva, il pugno chiuso, ripiegati su sé stessi, e lo fanno in un mondo sempre più uniformato in seguito all'avvento di Internet, apparentemente amico, in realtà più piatto».

Cresce, insomma, la conflittualità. Ci si misura con opposti egoismi e con differenti interessi, talvolta tutti legittimi, ma non convergenti. Per tacere di episodi peggiori: violenza politica, terrorismo, atti di vera e propria guerriglia. In mezzo ci sono lui e quelli come lui, che tentano di raffreddare gli animi, usare il cervello e giungere a conclusioni positive, che accontentino le parti. Vale quando si tratta di un matrimonio finito male così come di  un affare sfumato tra recriminazioni reciproche. Vale per una polizza assicurativa dagli effetti controversi o per il recupero di un credito. E vale quando si cerca di strappare alla morte persone sotto tiro.


Michael Tsur, 47 anni, avvocato, sposato,  quattro figlie, è uno dei più apprezzati esperti di mediazione al mondo.  Insegna in un paio di prestigiose Università, come la Columbia University di New York, e come l'Univesrità di Gerusalemme, la città in cui è nato il 9 settembre 1963. Collabora con Harvard. E spesso è chiamato a mettere in pratica le teorie che spiega a lezione: fa parte di un team che l'esercito israeliano riunisce ogni volta che si verifica la cattura di ostaggi. E c'è bisogno di mediatori.

Milano, 19 maggio 2011. Il professor Michael Tsur, durante il suo intervento nell'Aula Pio XI dell'Università Cattolica del Sacro Cuore.
Milano, 19 maggio 2011. Il professor Michael Tsur, durante il suo intervento nell'Aula Pio XI dell'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Il 18 e il 19 maggio ha tenuto una serie di conferenze a Milano, una, in particolare, nell'Aula Pio XI dell'Università Cattolica del Sacro Cuore. «Il mediatore non parteggia né per una parte né per l'altra.  Chiede, chiede con rispetto, sia che abbia a che fare con due ex partner commerciali, sia che stia parlando con il capo di un commando di sequestratori. Bisgona disarticolare l'ego che è una variabile antieconomica prima ancora che antisociale ed eticamente riprovevole quand'è smisurato».

«Yes, ego it's very expensive
», prosegue Michael Tsur. «Oggi si cerca il più possibile di evitare che i contenziosi finiscono in un'aula di Tribunale. Non tutte le dispute devono necessariamente imboccare la via dei processi, una via che ha tempi lunghi e costi alti, due variabili che non piacciono né alle aziende né ai privati cittadini. Si è ormai affermata la figura del mediatore, che ha una sua preparazione specifica acquisita in fior di atenei, ha dei suoi metodi ben testati, e che una cosa sa, innanzitutto: la miglior mediazione  possibile, in caso di crisi, è prevenire la crisi».

Milano, 19 maggio 2011. Il professor Michael Tsur, durante il suo intervento nell'Aula Pio XI dell'Università Cattolica del Sacro Cuore.
Milano, 19 maggio 2011. Il professor Michael Tsur, durante il suo intervento nell'Aula Pio XI dell'Università Cattolica del Sacro Cuore.

«Di solito, con la prima chiamata mi specificano anche il punto di ritrovo e il mezzo con cui raggiungerò il teatro dell'operazione, se in auto o in elicottero o in aereo». Michael Tsur sa meglio di tanti altri come si gestisce una crisi ed  è un mediatore con i fiocchi. Per questo le forze di sicurezza e l'esercito israeliani si avvalgono della sua esperienza ogni qual volta si registra un atto violento, culminato con la cattura di ostaggi.


«Undici anni fa, ad esempio, fui svegliato alle due di notte. Nel novembre 2000, un ceceno aveva dirottato un aereo russo, decollato da Makhachkala, capoluogo del Daghestan, vicino al Mar Caspio, e diretto a Mosca. Il velivolo, per volere di chi l'aveva in pugno, atterrò in Israele. Il caso fu risolto in sette minuti, cinque dei quali impiegati ad aprire la porta del Tupolev. Come ho fatto? Gli ho chiesto con il massimo della gentilezza e del rispetto possibile: "Scusi, può uscire per favore dall'aereo?". L'uomo accettò, si arrese e agli ostaggi non fu torto un capello. La prima cosa, in una mediazione, è la terzietà assoluta, non parteggiare per l'uno o per l'altro. La seconda, è, appunto, il rispetto. Può essere il peggiore dei terroristi colui al quale sto parlando, ma in quel momento è un mio interlocutore con il quale mi rapporto con calma e buona educazione». 




La Basilica della Natività, a Betlemme.
La Basilica della Natività, a Betlemme.


Qualche volta ci vuole più tempo. Posto che la bravura non manca mai, è la fortuna che talvolta si fa sospirare. Michael Tsur, ad esempio, è stato del team che ha trattato la liberazione del giornalista del giornalista della Bbc Alan Johnston, rapito a Gaza nel marzo 2007 e rilasciato il 4 luglio dello stesso anno, dopo 114 giorni di prigionia.

Ed è stato in prima linea nel mediare durante i 39  lunghissimi giorni che tra il 2 aprile e il 10 maggio 2002 videro la Basilica della Natività di Betlemme assediata dai militari israeliani, con dentro, bloccati, i frati francescani e oltre cento palestinesi, molti dei quali militanti o membri dell'intelligence. «In realtà gli incontri che sbloccarono la situazione non furono tantissimi, ma 5 in tutto. Si sapeva che l'alternativa sarebbe stato un bagno di sangue sotto gli occhi attoniti del mondo». Erano i tempi infuocati di Jenin, dell' assedio alla Mukata (sede del quartiere generale dell'Autorità nazionale palestinese), della seconda Intifada, degli attacchi kamikaze contro civili israeliani e delle dure reazioni della Stella di Davide. In quell'occasione si sparò anche, a dire il vero. Una volta, i commando israeliani tentarono di entrare nottetempo, la reazione dei miliziani palestinesi fu sostenuta. Altre volte i cecchini dell'uno e dell'altro schieramento si scambiarono colpi mirati. 

Agosto 2005. Un'immagine che racconta lo sgombero di 15 mila coloni ebrei allontanati da 23 insediamenti sorti nella Striscia di Gaza.
Agosto 2005. Un'immagine che racconta lo sgombero di 15 mila coloni ebrei allontanati da 23 insediamenti sorti nella Striscia di Gaza.


Paura? «C'è, è ovvio. Ma è sotto controllo. Una delle caratteristiche del mio mestiere consiste proprio nel mantenere, e infondere, la calma in contesti di per sé già molto tesi, emotivamente agitati. Dunque non sarei un buon professionista se perdessi il controllo di me stesso. Quando ti arruoli a 18 anni, sai come funziona un fucile, sai usarlo, conosci la differenza tra il rumore di un colpo in partenza e quello di un colpo in arrivo, beh, quando hai alle spalle tutto questo hai un buon bagaglio di conoscenze che ti aiutano a interpretare meglio la situazione di conflitto che stai vivendo, gestendo meglio timori e paure. Devo, però, precisare che cerco di non mettermi stoltamente in situazioni di pericolo estremo. Ho delle responsabilità: sono padre di quattro figlie».

C'è stato un caso, comunque, dove i sentimenti hanno rotto gli argini. «Sì, è stato quando il 15 agosto 2005 il Governo israeliana ha ordinato l'evacuazione di migliaia di coloni ebrei dalla Striscia di Gaza», ricorda Michael Tsur. «Mi sono trovato a operare in una situazione inedita, fatta di israeliani contro israeliani. S'è trattato di far spostare uomini, donne e bambini che molti israeliani, e tra essi anche molti poliziotti e soldati chiamati a eseguire quegli ordini, sentivano fratelli e sorelle. Una situazione non facile. Ho lavorato, lavorato tanto. E pianto. Sì, ho pianto». In quattro giorni, 15 mila coloni furono sgombrati da 23 insediamenti sorti nella Striscia di Gaza. 

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 0,00 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 57,80 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
I LOVE ENGLISH JUNIOR
€ 69,00 € 49,90 - 28%