Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 25 luglio 2024
 
Allarme Siria
 

Il nunzio Zenari: «In Siria temo un’escalation militare nel silenzio del mondo»

11/04/2024  Il cardinale Mario Zenari, nunzio apostolico a Damasco, è intervenuto al 44° Convegno delle Caritas diocesane a Grado, in provincia di Gorizia: «Il 75% della popolazione vive con gli aiuti umanitari e la situazione peggiora nel silenzio di tutti. Solo il Papa guarda ancora alla Siria»

«Temo un’escalation militare internazionale in Siria», confida questo suo timore personale a Famiglia Cristiana, Sua Eminenza il Cardinal Mario Zenari, Nunzio Apostolico a Damasco, in Siria, e relatore nel panel del convegno di Caritas dal titolo “Chiesa di minoranza, in cammino e capace di sconfinare”.

«Il Paese è martoriato da oltre 14 anni di guerra, abbiamo cinque eserciti stranieri presenti sul territorio: da quello russo a quello americano, dall’esercito della Turchia, ai soldati di Iran e Hezbollah. A questi contingenti si sono aggiunti i raid di Israele contro Hezbollah a tutte le ore del giorno, anche a Damasco», testimonia Zenari, che dal 2008 è nunzio apostolico in Sira e quindi ha vissuto tutte le fasi della guerra e del terremoto dello scorso anno. Zenari loda l’impegno delle Caritas in Siria «ma anche dove purtroppo molti siriani arrivano disperati a chiedere aiuto, come a Trieste e lungo la cosiddetta rotta balcanica».

L’Europa che tra poche settimane andrà al voto, «e qui potrebbe fare di più – chiosa il cardinal Zenari – e gli europei possono aiutarci proprio scegliendo per chi votare alle prossime elezioni. Anche l’Italia, che ha un inviato speciale in Siria, potrebbe giocare le sue carte aiutando i siriani, cristiani e non».

Guarda la video-intervista:

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo