logo san paolo
sabato 03 dicembre 2022
 
50 parole greche del Nuovo Testamento Aggiornamenti rss Gianfranco Ravasi
Cardinale arcivescovo e biblista

Il martirio di Pietro, la più antica testimonianza

La Crocifissione di San Pietro, affresco di Michelangelo Buonarroti (1475-1564). Città del Vaticano, Cappella Paolina.
La Crocifissione di San Pietro, affresco di Michelangelo Buonarroti (1475-1564). Città del Vaticano, Cappella Paolina.

"Quando sarai vecchio tenderai
le tue mani, e un altro ti vestirà
e ti porterà dove tu non vuoi".
(Giovanni 21,18)

Il quarto Vangelo si conclude con un’appendice che vede come protagonista Simon Pietro che viene di nuovo investito dal Cristo risorto della missione di pascere il gregge della Chiesa (21,15-17). In quel momento solenne, scandito da una triplice professione d’amore richiesta all’apostolo dallo stesso Gesù, si insinua un intervento molto allusivo, per non dire enigmatico, del Maestro.

Eccolo nella sua integralità: «In verità in verità ti dico: quando eri più giovane, ti vestivi da solo e andavi dove volevi. Quando sarai vecchio, invece, tenderai le tue mani e un altro ti vestirà e ti porterà dove tu non vuoi» (21,18).
È evidente la sequenza dei contrasti tra giovinezza e vecchiaia, tra il cingersi da soli la fascia che stringeva l’ampia tunica orientale e l’essere aiutati da un altro, tra il camminare libero e spontaneo e l’essere condotti forzosamente, tra una meta desiderata e voluta e una direzione imposta e ignota.

Si ha, dunque , la parabola della vita di Pietro che, dopo una vivace giovinezza e maturità, dovrà avviarsi a un traguardo di sofferenza e persino di prigionia, seguendo idealmente i passi del suo Signore («Anche Cristo patì per voi lasciandovi un esempio, perché ne seguiate le orme», si legge in 1Pietro 2,21).

Molti studiosi pensano che queste righe vogliano evocare proprio il martirio di Pietro. Anzi, quel “tendere le mani” sembrerebbe essere una raffigurazione della crocifissione a cui, secondo la tradizione, sarebbe stato condannato l’apostolo, dopo essere stato legato e preparato per l’esecuzione capitale. Certo è che per molti autori cristiani dei primi secoli come Giustino, Ireneo, Cipriano e la cosiddetta Lettera di Barnaba , “stendere/protendere le mani” è una prefigurazione della crocifissione, e Tertulliano, sulla base del nostro passo parlerà esplicitamente della croce a cui Pietro fu legato.

Avremmo, così, nel quarto Vangelo la più antica testimonianza del martirio di san Pietro (la tradizione aggiungerà il particolare della croce capovolta, rappresentata in modo emozionante da Michelangelo in un grande affresco della Cappella Paolina in Vaticano). Non per nulla l’evangelista, subito dopo le parole di Cristo, aggiunge un commento significativo: «Questo disse Gesù per indicare con quale morte egli avrebbe glorificato Dio» (21,19 ).


23 gennaio 2014

I vostri commenti
3

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo