logo san paolo
giovedì 02 dicembre 2021
 

«Io nel tempo che passa non vedo festa, ma la tomba»

Caro padre, tra le tante umane follie non manca di stupirmi quella di festeggiare il tempo che passa. Capisco che lo si faccia quando si è molto giovani e si vive nell’illusione che il futuro possa riservare chi sa quali gioie e soddisfazioni. Ma quando gli anni si accumulano bisognerebbe capire che il trascorrere del tempo ti ruba forza, salute, facoltà fisiche e mentali oltre che affetti e persone care, scagliandoti inesorabilmente nel baratro della vecchiaia e infine nella tomba. Penso che nessuno accoglierebbe a braccia aperte il ladro che viene a svaligiargli la casa o l’assassino che viene ad ammazzarlo. Se solo ci riflettessero un attimo i tanti che già smaniano in attesa delle “feste di fine anno’’ e che non vedono l’ora di buttar fuori quello vecchio per accogliere trionfalmente il nuovo...

SALVATORE RUSSO

Caro Salvatore, il tempo che passa può essere paragonato a un ladro che ci ruba forza, salute, affetti. Il paragone del ladro si trova anche nel Vangelo ed è ripreso da san Paolo, ma non è riferito al tempo, ma al Signore stesso. Il suo giorno, spiega l’apostolo, «verrà come un ladro di notte» (1Ts 5,1). L’invito è a vivere bene, come figli della luce, a vegliare sulla nostra vita perché sia conforme all’amore di Dio. E allora per noi il Signore non sarà come un ladro che ci deruba in modo inaspettato, e la vita non si concluderà nella tomba, ma nell’incontro gioioso con il nostro Salvatore. Che senso ha, allora, festeggiare compleanni o l’inizio di un nuovo anno? Ringraziare per il dono della vita e per le nuove possibilità che abbiamo di amare, fare del bene, donare un sorriso. I limiti e i malanni dell’età non ci impediscono di fare tutto questo. E di essere felici.


09 novembre 2018

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo