Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 15 luglio 2024
 

Santissima Trinità (anno B) - 26 maggio 2024

Nel nome di Colui che è Uno e Trino

 

Gesù si avvicinò [ai discepoli] e disse loro: «A me è stato dato ogni potere in cielo e sulla terra. Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Matteo 28,18-19

 

Il dogma trinitario che celebriamo oggi è un frutto della compiuta manifestazione del mistero di Dio, nella sua interezza rivelato alla Chiesa con il dono dello Spirito: «Tutti coloro che sono guidati da Lui, sono figli di Dio»; questo Spirito infatti non è «da schiavi, per ricadere nella paura, ma rende figli adottivi, e per mezzo di Lui gridiamo Abba, Padre! E se siamo figli, siamo anche eredi: eredi di Dio, coeredi di Cristo, se davvero prendiamo parte alle sue sofferenze per partecipare alla sua gloria» (II lettura, Romani 8). San Paolo ci offre parole e immagini prese dalla esperienza della vita umana, che ci aiutano a gustare la ricchezza del mistero trinitario, e ci mostra che in esso siamo coinvolti tutti: «La nostra vita è nascosta con Cristo in Dio» (Colossesi 3,3).

Ci dia il Signore di comprendere la grandezza di questo dono! Esso è un mysterion (in greco, sacramentum in latino), una realtà che dà salvezza e che rende visibile la grazia in noi, espressione dell’adam, maschio e femmina, fatto a immagine di Dio Trinità, Padre, Figlio e Spirito Santo, per una vita come quella del Creatore, eterna, infinita, piena, ricca di amore, potente e generativa nelle sue differenze costitutive e salvifiche.

«Interroga i tempi antichi: dal giorno in cui Dio ha creato l’uomo sulla terra vi fu mai cosa grande come questa? Che un popolo abbia udito la voce di Dio e sia rimasto vivo? O mai un dio ha tentato di scegliersi una nazione con mano potente e braccio teso?» (I lettura, Deuteronomio 4). Questo popolo prediletto, scelto dal Padre fin dalle origini dei tempi, amato come una sposa, è la moltitudine di «quanti temono Dio e sperano nel suo amore»: «l’occhio del Signore» è su di loro, «per liberarli dalla morte e nutrirli in tempo di fame»; «l’anima loro lo attende», perché essi sanno che Lui solo «è loro aiuto e loro scudo» (Salmo 32, Responsorio).

C’è una corrispondenza di affetti, ordinati secondo le costitutive differenze, tra Dio e l’uomo, che Egli ama fin dal principio, come esiste una corrispondenza di affetti tra il Padre, il Figlio e lo Spirito, nella vita trinitaria, di cui è immagine la vita, nella carne, di ogni famiglia umana: il Padre ama per primo, il Figlio è amato dal principio e lo Spirito è amore che circola e dà vita; «Non siamo stati noi ad amare Dio, ma è Dio che ha amato noi» (1Giovanni 4,10). La Trinità mostra la bellezza di una differenza accolta, amata e vissuta come pienezza, che rende possibile la fioritura della dimensione personale di ciascuno e la vera felicità, già nel nostro oggi: «Osserva dunque le leggi e i comandi che oggi ti do, perché sia felice tu e i tuoi figli dopo di te e perché tu viva» (I lettura).

Dopo la Risurrezione Gesù stesso, il Figlio amato, mostra che nell’obbedienza al Padre è la vera regalità: «A me è stato dato ogni potere in Cielo e in terra»! Seguire il Cristo significa percorrere la sua stessa strada, fatta di passione, di croce e di Gloria, «non fare differenze di persone» (cfr. Atti 10,34), comprendere che l’originaria predilezione è per tutte le genti, «andare e fare discepoli tutti i popoli, battezzando nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo e insegnando ad osservare tutto ciò che ci ha comandato» (Vangelo, Matteo 28). E il suo comandamento è uno solo: l'Amore, che vive nella Trinità. Buona Festa!


23 maggio 2024

 
Pubblicità
Edicola San Paolo