logo san paolo
mercoledì 27 luglio 2016
 
LEGA
 

Caro Salvini, non citi a sproposito don Milani

28/02/2015  Se fosse vivo, il prete di Barbiana, dove le porte erano aperte, sarebbe esattamente tra chi il leader della Lega vuole cacciare: tra gli immigrati, nei campi rom, in mezzo ai rifugiati. Il suo motto, "I care", era l'esatto opposto del "me ne frego".

(nella foto: don Lorenzo Milani a Barbiana)

Caro Salvini,  per favore, giù le mani da don Milani. Non tanto perché don Milani  non era uomo di nessuno se non del Vangelo da vivo, e non ci pare opportuno che venga ascritto alla ditta di alcuno da morto (vale anche per altri che l'hanno tirato per la tonaca in questi anni). Men che meno a una ditta che si sente più affine - a giudicare dalle dichiarate sintonie lepeniane - al "me ne frego", che all' I Care, che c'è ancora sulla porta della stanzetta ch'era stata di don Lorenzo, lassù a Barbiana. Non tanto perché probabilmente, se fosse vivo, don Milani troverebbe le Barbiana di oggi ai margini attuali. E sarebbe fin troppo facile dirsi che il margine del margine, qui e ora, sono i bambini che sbarcano soli a Lampedusa o che sfuggono alla scuola perdendosi sulla strada che porta ai campi rom.

Sarebbe facile come sparare sulla croce rossa, ma il gioco di tirarlo per la tonaca non piace farlo neanche a noi.  Sarebbe anche fin troppo facile smontare l'appropriazione indebita a forza di citazioni, saccheggiando quello che don Milani ha detto e lasciato scritto, ma sarebbe riduttivo, perché l'incompatibilità tra Salvini e don Milani è, ancor prima che nel merito, nel metodo. Tutto il lavoro che don Milani nella sua vita ha fatto, al di là delle parole dette, ha mirato a una sola cosa: dare ai poveri, ai fragili, ai marginali parole e cultura sufficienti per difendersi da chi avrebbe potuto prevaricarli e tirarli dalla propria parte a suon di slogan a buon mercato. Voleva che imparassero a difendersi, con la forza della ragione, dalla politica che parla alla pancia, indipendentemente dal suo colore. La sua era, prima di tutto, una scuola di senso critico. Non solo, nella sua scuola si studiavano lingua e lingue: i suoi ragazzi imparavano a vivere aperti all'Europa e al mondo, andavano a imparare, lavorando in fabbrica o nei campi, il tedesco in Germania, l'Inglese in Inghilterra, l'arabo in Algeria.

Basterebbe questo a segnare la distanza con Salvini. Ma v'è di più. Nella scuola di don Milani le porte erano aperte, non solo in uscita per andare nel mondo a imparare, ma anche in entrata: capitava che politici con la parlantina sciolta e la promessa facile venissero invitati a parlare, dove parlare voleva dire essere sottoposti a un fuoco di fila di domande scomode, da un plotoncino di ragazzini impertinenti e preparati a smontare gli slogan pezzo a pezzo. Gli slogan di tutti, a maggior ragione di quelli che suonavano sirene che avrebbero potuto incantare i poveri facilmente. Ai comunisti don Milani diceva: "Voi tradite i poveri due volte perché a differenza d’altri dite di stare dalla loro parte", ma non risparmiava nessuno. E se, davanti al suo criticare nel merito tutti: preti, comunisti, democristiani, un ragazzo chiedeva spiazzato: "Ma allora chi ha ragione?". Rispondeva: "bischeri, la verità non ha parte". E intanto insegnava loro a cercarla, smascherando senza pietà, le menzogne della politica, specie di quella che da sempre fa del "parla come mangi" la sua ragion d'essere. Non sappiamo, anche se possiamo immaginarlo come sarebbe stato un pomeriggio di Salvini a Barbiana, ma siamo abbastanza convinti che se ci fossero in giro tanti don Milani, i Salvini di turno avrebbero minor seguito. 

Firma la petizione in collaborazione con Change.org

Multimedia
"Respingiamo Salvini", a Roma il corteo anti Lega
Correlati
Salvini a Roma, chiesa occupata per protesta
Correlati
"Respingiamo Salvini", a Roma il corteo anti Lega
Correlati
Speciale Giubileo della Misericordia
I vostri commenti
57
scrivi

Stai visualizzando  dei 57 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Pubblicità
    Edicola San Paolo