logo san paolo
domenica 18 agosto 2019
 
dossier
 

Un cimitero per cristiani e musulmani: il Senegal della tolleranza

13/11/2017  A Joal-Fadiouth i cattolici rappresentano il 90% degli abitanti, gli islamici il 10%. Qui le due religioni convivono in modo pacifico, anche all'interno delle famiglie. Così i defunti di Fadiouth, l'isola delle conchiglie, vengono seppelliti nello stesso luogo, in due aree distinte.

Il cimitero di Fadiouth, la piccola isola senegalese delle conchiglie, si raggiunge percorrendo a piedi una passerella di legno sul braccio di mare, tra carri carichi di miglio trainati dagli asini. In lontananza, sulla sommità della collina, compare una grande croce bianca. Tutt'intorno, una distesa fitta di croci candide, all'ombra degli alberi, piantate su cumuli di conchiglie: le tombe degli abitanti cristiani. Salendo verso la parte orientale del cimitero il panorama cambia: le croci cedono il posto al simbolo della mezzaluna islamica, le tombe degli abitanti di fede musulmana. Cristiani e musulmani riposano fianco a fianco, nello stesso cimitero, in due aree distinte: ai defunti islamici è riservata la parte orientale. I cristiani sono seppelliti sotto la terra all'interno delle casse di legno, i musulmani avvolti da lenzuoli bianchi, come prescrive la religione, e il volto rivolto verso La Mecca. 

Fadiouth e il suo villaggio gemello Joal, sulla terraferma, si incontrano lungo la Petite Côte, il tratto di costa a sud della capitale Dakar, dopo il centro di Saly Portudal in direzione del Parco nazionale del Delta dei fiumi Sine e Saloum. Joal ha dato i natali al primo presidente della Repubblica senegalese, il poeta Léopold Sédar Senghor, di fede cattolica, in un Paese in cui la stragrande maggioranza della popolazione è musulmana. Nel tratto di mare di fronte, Fadiouth, pittoresca e tranquilla isola di coltivatori dal terreno fatto di conchiglie, è collegata a Joal da un ponte lungo 400 metri. 

Il cimitero dell'isola delle conchiglie è un rarissimo e straordinario esempio di dialogo interreligioso, di comunione e integrazione fra le fedi. Una convivenza pacifica che caratterizza del resto tutto il Paese: patria della "teranga", termine wolof che indica il tradizionale spirito di ospitalità degli abitanti, il Senegal è anche il Paese della tolleranza religiosa. Nell'area di Joal-Fadiouth il 90% degli abitanti sono cristiani, il 10% musulmani, esattamente la proporzione inversa rispetto al resto del Paese. 

«Ma tra cristiani e musulmani non esiste differenza, la religione non rappresenta un problema», spiega Cyrus, la guida, senegalese cattolico convertito all'islam. «A Fadiouth tantissime famiglie sono miste, cattolici e musulmani convivono all'interno dello stesso nucleo familiare, i cristiani vengono invitati alle feste islamiche e viceversa. Così, essere seppelliti nello stesso cimitero rappresenta la normalità, la naturale conseguenza alla fine di un'esistenza fondata sulla coesione e il rispetto tra religioni». Cristiani e musulmani, tutti uguali, senza distinzioni. Uniti nella morte. E, in Senegal, anche nella vita.          

 

(Foto di Giulia Cerqueti)

I vostri commenti
3
scrivi

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 78,00 € 52,80 - 32%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%