logo san paolo
sabato 23 settembre 2017
 
 

E il Pdl se ne infischia dell'economia

28/09/2013  Una crisi di Governo, secondo il Fondo monetario internazionale potrebbe precipitare l'Italia in una crisi ancora peggiore di quella attuale. Ma i ministri di Berlusconi fanno finta di niente.

Il Fondo monetario internazionale aveva avvertito: «L’instabilità politica potrebbe ostacolare il recupero dell'Italia dalla sua peggiore recessione dalla seconda guerra mondiale». Ma i ministri del Pdl sembrano non avere a cuore gli interessi del nostro Paese. Annunciano così le dimissioni su pressioni di Berlusconi invece che lavorare, come si aspetta l'Europa, per trovare quei tre miliardi di euro che mancano per mantenere il nostro deficit sotto il 3 per cento del Prodotto interno lordo.

Eppure l'Fmi non ha usato mezzi termini: «Se c'è una cosa che l'Italia non si può permettere è una crisi di governo: l'incertezza politica comporterebbe una revisione al ribasso delle stime (che prevedevano un pareggio di bilancio strutturale nel 2014 e una perdita dello 0,2 per cento per fine 2013, n.d.r.) con peggioramento della crisi economica. Il rischio della debacle italiana è il contagio internazionale».

Il rapporto del Fmi, infatti, ricorda che «dato il ruolo centrale dell'Italia negli scambi globali e nel sistema finanziario, un significativo choc potrebbe generare effetti regionali e globali maggiori di quanto suggerito dall'esposizione diretta». In parole povere, l'Italia rischia il fallimento a un passo dalla salvezza, mandando così all'aria i sacrifici fatti finora dai cittadini.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo