logo san paolo
domenica 16 giugno 2019
 
Salone del Libro
 

Bianchi: «La misericordia è qualcosa di scandaloso e folle»

15/05/2016  «Neanche gli uomini religiosi hanno capito davvero la misericordia di Dio», spiega il priore della Comunità di Bose, Enzo Bianchi. Dialoga con Massimo Recalcati sul suo ultimo libro e dice: «Nella storia della Chiesa la misericordia è stata interpretata esattamente all'opposto di come l'ha messa in pratica in Gesù».

(Nella foto: Enzo Bianchi, priore Comunità di Bose - immagine tratta dal sito www.monasterodibose.it)


La misericordia è qualcosa di scandaloso, folle persino per la logica umana. Non di rado, nel corso della storia e all’interno della Chiesa, è stata interpretata esattamente all’opposto da come l’ha messa in pratica Gesù con la donna adultera che scribi e farisei volevano lapidare. Enzo Bianchi parla con la verve dell’uomo appassionato. Cita i Vangeli, la festa ebraica dello Yom Kippur, il profeta Osea e il mistico russo Silvano del Monte Athos. Al Salone del Libro di Torino dialoga con lo psicanalista Massimo Recalcati partendo dal suo ultimo libro L’amore scandaloso di Dio (San Paolo, 144 pp. € 7,99).
Il Priore della Comunità di Bose sottolinea il senso paradossale della misericordia: «Non è il pentimento che crea il perdono», spiega, «ma il perdono che ci viene dato che provoca il pentimento». Questo è possibile grazie alla «forza asimmetrica», come la definisce Recalcati, del perdono: «Non perdono l’altro perché si pente ma lo perdono perché questo gesto apre allo scenario inedito del pentimento e permette a quell’uomo di ricominciare».

Nell’Auditorium del Lingotto gremito di gente un laico e un uomo di fede dialogano su una materia spinosissima e a tratti sembra un duetto di voce sola. «Nella mia esperienza di psicanalista», sottolinea Recalcati, «so bene che se c’è un’esperienza umana che più somiglia alla risurrezione, questa è l’esperienza di essere perdonati. Perché permette a chi è perdonato di continuare a vivere, gli offre un’altra chance, segna un nuovo inizio». Enzo Bianchi fa una premessa: «Il tema del perdono non mi appartiene né dall’infanzia, né dall’educazione cattolica. Fino a 30 anni ero rigorista, i miei modelli erano Giovanna d’Arco e Thomas Beckett». Poi l’incontro con il testo biblico e con quella affermazione, autenticamente scandalosa e rivoluzionaria, che il profeta Osea mette in bocca a Dio: “Misericordia io voglio e non sacrifici, la conoscenza di Dio più degli olocausti”». Bianchi spiega il senso di questa doppia affermazione: «Sacrifici e olocausti, concettualmente, vanno insieme e questo in fondo lo capiamo», scandisce, «più difficile da capire, perché radicalmente nuovo, è mettere insieme misericordia e conoscenza di Dio. Significa che Dio lo possiamo conoscere solo in un’esperienza passiva di misericordia, di amore e di riconciliazione, altrimenti diventa un idolo che ci fabbrichiamo su misura, il prodotto delle nostre proiezioni. L’inferno per l’uomo, per ognuno di noi, è non essere perdonati da nessuno».

La copertina del libro di Enzo Bianchi
La copertina del libro di Enzo Bianchi

«Il sacrificio di Gesù sulla Croce libera l'uomo dal sacrificio»

Gli fa eco Recalcati: «Quella di fratel Enzo è una concezione antisacrificale del Cristianesimo», dice. «Gesù è una possibilità di liberazione dal sacrificio, dall’abnegazione, dalla mortificazione. Il libro di Enzo Bianchi sul Dio misericordioso è un libro sulla legge. Gesù libera la legge dalla legge stessa, con lui termina la concezione patibolare, retributiva e giustizialista della legge. La giustizia di Dio che Gesù incarna implica l’eccezione, la possibilità del perdono. Lo dimostra l’episodio dell’adultera».
Enzo Bianchi allora commenta un’altra parabola, quella del Padre misericordioso o del figliol prodigo del Vangelo di Luca: «All’inizio, quando ritorna a casa, il figlio prodigo non lo fa perché era pentito ma perché stava male e non aveva da mangiare tanto che dice al padre, con tono perentorio, da comando: “trattami come uno dei tuoi salariati”. Il padre non cerca spiegazioni, gli dona subito la veste più bella, l’anello al dito e ammazza il vitello grasso per fare festa. Il perdono del padre precede il pentimento del figlio prodigo. Ecco lo scandalo».
L’ultimo scampolo del dialogo è sul sacrificio. Dice Bianchi: «Il sacrificio è comune a tutte le religioni e non di rado genera violenza. Se il sacrificio è mortificazione non ha nulla a che fare con la vita cristiana. Se invece è rinunciare a qualcosa per l’altro allora tutti i giorni facciamo sacrifici». Chiude lo psicanalista Recalcati: «Il sacrificio diventa patologico quando genera un godimento nel soggetto e diventa criterio di superiorità morale nei confronti degli altri. Questo è un rischio sempre presente nella psicologia dell’uomo religioso. Gesù Cristo muore sulla Croce e compie l’ultimo, grande sacrificio che libera definitivamente l’uomo dal sacrificio».

I vostri commenti
45
scrivi

Stai visualizzando  dei 45 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 78,00 € 52,80 - 32%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%