logo san paolo
venerdì 20 ottobre 2017
 
dossier
 

«Una guerra mondiale per distruggere la famiglia»

01/10/2016  Il Papa condanna il gender e la colonizzazione ideologica che cerca di distruggere culturalmente l'istituto del matrimonio. E poi esorta: «Chiedete subito aiuto quando c'è un problema»

«Oggi c’è una guerra mondiale per distruggere il matrimonio. Non si distrugge con le armi, si distrugge con le idee: ci sono colonizzazioni ideologiche che distruggono. Bisogna difendersi dalle colonizzazioni ideologiche». Papa Francesco risponde a una madre di famiglia, Irina, che, incontrando il Papa insieme con sacerdoti, religiosi, operatori della pastorale, seminaristi e famiglie, aveva sottolineato il pericolo della «teoria gender e l’emarginazione della visione cristiana della vita, in particolare della nostra scelta di educare come cattolici i nostri figli».

Il Papa risponde sul punto, e spiega come difendere la famiglia e il matrimonio, immagine di Dio. «Il matrimonio è la cosa più bella che Dio ha creato. La Bibbia ci dice che Dio ha creato uomo e donna, li ha creati a sua immagine, cioè l'uomo e la donna che si fanno una sola carne sono l'immagine di Dio». E se ci sono difficoltà «bisogna subito chiedere aiuto», esorta papa Francesco. Senza aspettare per fare pace e sapendo che, come ha ricordato più volte nel corso delle sue catechesi, le parole più importanti sono «grazie, perdono e scusa». Perché se si arriva al divorzio c’è qualcuno che paga, anzi «due», dice il Papa: «Dio,  perché quando si divorzia, si divide, una sola carne si sporca l'immagine di Dio. E pagano i bambini, i figli. Voi non sapete, cari fratelli e sorelle, quanto soffrono i bambini, i figli piccoli quando vedono le liti e la separazione dei genitori».

E dopo l’incontro nella chiesa dell’Assunta, papa Francesco ha voluto visitare il centro di assistenza dei camilliani che serve un territorio di circa 400 mila persone. Accanto alle persone più povere, bisognose, portatrici di handicap, il centro offre aiuto anche ai profughi provenienti dall’Ossezia. Insieme, profughi, bambini e ragazzi in carrozzina hanno danzato per il Papa. Uno spettacolo colorato che ha commosso il Papa.

Multimedia
Il Papa in Azerbaigian: «Qualcuno può pensare che io perda tempo a visitare una piccola comunità di periferia»
Correlati
Diretta video: il Papa in Georgia e in Azerbaijan
Correlati
Il Papa in Azerbaigian: «Qualcuno può pensare che io perda tempo a visitare una piccola comunità di periferia»
Correlati
I vostri commenti
32
scrivi

Stai visualizzando  dei 32 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo