logo san paolo
domenica 24 giugno 2018
 
Fake news
 

Il migrante sul treno senza biglietto: notizia falsa, razzismo vero

14/02/2018 

Purtroppo credo sia capitato a molti di coloro che frequentano Facebook di trovare, negli scorsi giorni, sulla propria bacheca il racconto indignato di un passeggero in viaggio sul Roma-Milano. Racconto corredato di fotografia rubata, condiviso con lo sdegno delle persone "per bene" che stanno sempre dalla parte della ragione. Ecco questa notizia, come tante altre, è una Fake news, un falso. L'uomo, uno straniero, accusato di viaggiare sul Freccia Rossa senza biglietto e di avere approfittato del "buonismo" di una società che non punisce mai, aveva semplicemente sbagliato posto e lo ha confermato la stessa azienda Trenitalia attraverso il suo ufficio stampa, dopo aver consultato la capo treno che aveva controllato i documenti di viaggio. 

Intano 75.000 bravi cittadini avevano già condiviso la succulenta notizia tra gli amici di Facebook e 120 mila l'avevano commentata con il tenore che possiamo immaginare. Con il solito gusto perverso che ormai conosciamo di spargere odio attaccandosi a qualunque labile e mai comprovata o controllata stupidaggine che appare sulle nostre bacheche.

Il post originale ora rimosso da FB

Il post con la "fake news" diventato virale, oggi rimosso (Fonte: Facebook)

I vostri commenti
21
scrivi

Stai visualizzando  dei 21 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo